Dalla Svizzera lo stop ai negoziati sul fisco

Il presidente Hans-Rudolf Merz ha annunciato lo stop alle trattative in corso con l'Italia in tema di doppia imposizione. La decisione arriva dopo il blitz della Finanza nelle filiali delle banche elvetiche

«Interromperemo i negoziati fino a nuovo ordine». Il presidente della Repubblica federale e ministro delle Finanze, Hans-Rudolf Merz ha annunciato che la Svizzera ha fermato le trattative in corso con l’Italia in tema di doppia imposizione. Il presidente Merz lo ha annunciato ieri nel corso di un’intervista rilasciata al quotidiano Blick: «Da parte nostra l’accordo era vicino alla ratifica, ma interromperemo i negoziati fino a nuovo ordine», ha spiegato Merz dopo che martedì scorso un’operazione della Guardia di Finanza aveva controllato 76 filiali di banche svizzere e di uffici bancari collegati a intermediari elvetici o situati nei pressi di San Marino. Un’operazione che la Svizzera ha definito «discriminatoria». «Esistono indicazioni secondo le quali il fisco italiano agisce in Svizzera: ciò non è permesso ed è deplorevole, non accetteremo di essere spiati da degli stranieri». 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.