“Dopo Montalbano, ho vinto con i gendarmi di Pinocchio”

Alberto Sironi, regista gallaratese della fiction andata in onda su Rai1, commenta gli ottimi risultati ottenuti, con oltre 8 milioni di spettatori. A Febbraio poi girerà i nuovi episodi tratti da Camilleri

“Si deve puntare di più su prodotti di qualità, al di là degli indici di ascolto, è un dovere della Rai”. Alberto Sironi, regista di origine gallaratese famoso per essere il padre televisivo di Montalbano, porta a casa un altro grande successo: il suo Pinocchio è andato in onda domenica e lunedì sera sulla rete ammiraglia della Rai, in prima serata. In media le due puntate hanno avuto quasi 8 milioni di spettatori con uno share del 30 per cento circa, battendo anche la decima superedizione del Grande Fratello. Un successo oltre ogni aspettativa dopo anni difficili in cui la fiction ha faticato molto a raggiungere questo tipo di risultati, anche a causa del dilagare di Sky che sta macinando abbonati.
 
“Ce la siamo cavata, era un tema difficile e il confronto con il film di Comencini del ’72 con Nino Manfredi non era certo indifferente – spiega il regista che non nasconde anche una certa critica al sistema televisivo della fiction -. Non è un libro che si possa raccontare facilmente con un passo così corto. Si sarebbero dovute fare quattro o cinque puntate per esprimere tutta la complessità e la bellezza della storia di Collodi. È un libro su cui gli italiani hanno imparato a leggere, c’è una lingua formidabile, è considerato da tanti come una Bibbia. Ma ormai la Rai nasce per creare pezzi brevi. Abbiamo dovuto sacrificare un sacco di episodi straordinari che non abbiamo potuto raccontare. Certo, sono contento i risultati, ma non conta solo lo share e so che avrei potrai potuto farlo meglio. La Rai ormai punta sempre su prodotti standardizzati. Ma se ci sono risultati così straordinari, perché fare serie tv lunghe su argomenti che non interessano a nessuno? Perché fare sempre la facile e banale storia d’amore? Perché non puntare più in alto?”
 
Pinocchio adesso è sotto la lente della critica. Dopo i buoni ascolti ottenuti anche negli Stati Uniti e in Inghilterra non sono mancate le accuse alla recitazione: “Era un coproduzione internazionale della Lux Vide che ci ha permesso di avere attori come Bob Hoskins – spiega Sironi -. Recitare in inglese ha un po’ penalizzato anche la spontaneità di alcuni nostri attori. Ma era un prodotto internazionale e non si poteva fare diversamente”.
Dopo il successo di Pinocchio, Sironi è già al lavoro con una nuova miniserie per la Rai, L’ultima trincea con Neri Marcorè e Serena Rossi. Ma sono già state programmate le riprese per i nuovi episodi di Moltalbano, di cui sarà ancora regista, con protagonista Luca Zingaretti: “Iniziamo a girare a fine febbraio o i primi di marzo. Facciamo quattro storie: “L’età del dubbio”, “Il capo de vasaio”, “La danza del gabbiano” e un quarto romanzo che deve ancora uscire”.

Galleria fotografica

Pinocchio 4 di 9
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2009
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pinocchio 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.