Enzo Iacchetti presenta il suo disco dedicato a Gaber

Il comico luinese, sabato 7 novembre, sarà alla Casa del Disco di piazza Podestà per presentare "Chiedo scusa signor Gaber", un album omaggio all'artista

enzo iacchetti presenta "Chiedo scusa signor Gaber"Chiede scusa e lo fa con grande stile. Enzo Iacchetti, gaberiano doc, presenterà il suo nuovo album “Chiedo scusa al signor Gaber” sabato 7 novembre alle ore 12 alla Casa del disco di Varese.
Un omaggio al grande maestro, un gesto di stima nei confronti dell’amico scomparso, un occasione per ricordare le canzoni che hanno reso celebre un grande cantautore della musica Italiana.
Iacchetti lascia la sua impronta musicale mostrando una profonda maturazione come interprete puro in un album con un forte impatto melodico, 11 canzoni rivisitate assieme alla sua fedele Witz orchestra.
Con questo lavoro conferma di possedere notevoli doti musicali e di avere la giusta mistura di rispetto e nostalgia per Gaber, modernizzando i pezzi come "Torpedo Blu" o "Il Riccardo", "La ballata del Cerutti", enfatizzati con brevi citazioni di altri brani rinomati, come "L’orgia", uno dei pezzi che viene stravolto introducendo frammenti di Besame Mucho", "Grazie Prego Scusi", "Bella senz’anima", "La pansé". Il brano “Una fetta di Limone” è cantato in coppia con il figlio Martino. L’incontro verrà presentato da Silvia Larizza, giornalista varesina.

Una dedicata da Enzo Iacchetti a Gaber:

Giorgio mio,
ho provato a mettere mano sulle tue prime canzoni cercando di farti un po’ di scherzi.
L’ho fatto perché sono convinto che apprezzerai il lavoro. E’ chiaro che fatte da te sono molto più vere! Ma ho la presunzione di avere una missione; quella di far sì che chi ti conosce non ti dimentichi mai, e chi non ti conosce possa venire a sapere quanto sei bravo, inimitabile e irraggiungibile. Anche se mi manchi ti sento sempre vicino, con il tuo pensiero dentro la mia anima piena e gioiosa per le cose indimenticabili che hai scritto.
Scusa se potevo magari fare meglio, o addirittura NON FARE. Ma sento che Ë giusto cosÏ!
Per sempre fedele tuo Enzino.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.