“Falliti i bandi regionali per ricerca e sviluppo”

Crisi, Spreafico e Tosi (PD): l’assessore La Russa lamenta che gli imprenditori non hanno voluto investire

I bandi che la Regione ha messo in campo sulla crisi per innovazione e ricerca non hanno funzionato non avendo le imprese voluto investire. Lo ha dichiarato l’assessore regionale all’industria e alla piccola e media impresa Romano La Russa durante l’audizione in commissione Attività produttive del Consiglio regionale. L’assessore ha anche aggiunto che ciò ha comportato l’accantonamento di un “gruzzoletto” (è la parola usata dall’assessore) che potrà essere usato nel prossimo futuro, dato che ora si intravede uno spiraglio nella crisi. La dichiarazione ha lasciato del tutto allibiti i consiglieri di opposizione, ai quali non sono stati forniti dati aggiornati sull’impatto economico della crisi e sulle misure adottate dalla Regione.
“Sui problemi industriali lombardi si apprendono più dati leggendo i giornali che ascoltando le “chiacchiere” dell’assessore La Russa e questo purtroppo dimostra ancora una volta l’assenza di una politica industriale regionale nella regione più industrializzata d’Italia – dichiarano a seguito dell’incontro i consiglieri PD Carlo Spreafico e Stefano Tosi -. La Giunta si limita a seguire la crisi senza mettere in campo misure capaci di tutelare il nostro patrimonio di imprese e di capitale umano. L’unico concetto industriale espresso dall’assessore, la cui inutilità è ormai lampante, è stato la critica agli imprenditori che si sono a suo dire chiusi in azienda senza investire. Prendiamo atto, con l’amarezza di chi da mesi denuncia il problema, che l’assessore non sembra rendersi conto della situazione, al punto da considerare quasi positivo l’accantonamento di fondi per il mancato funzionamento del sistema dei bandi regionali.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.