Finto papà adottivo chiede patteggiamento per abusi

L'indagine della sqaudra mobile sul caso della piccola brasiliana arriva davanti al giudice ma la difesa chiede il patteggiamento

Il pm di Busto Arsizio Valentina Margio ha chiesto il giudizio immediato per un uomo di
57 anni di un paese intorno a Varese, accusato di aver abusato di una bimba di 4 anni che
aveva spacciato per figlia adottiva
. L’udienza era fissata per oggi (mercoledì) ma non ha avuto luogo. La difesa ha nel frattempo optato per il patteggiamento o in subordine il rito abbreviato, cntando sulla concessioe di un aserie di attenuanti che ora sono al vaglio della procura e del tribunale.  L’uomo è accusato di violenza sessuale su minore. La difesa ha proposto un patteggamento al pm la cui entità precisa non è stata resa nota per esplicita volontà delle parti, e sarà discusso in udiena il 4 febbraio 2010.
Il giudice e il pm, come si diceva, non si sono ancora espressi in merito.  L’uomo è anche accusato di alterazione di stato civile, per il quale si sottoporrà a un altro processo abbreviato. La vicenda è nota, il 57enne aveva sposato una donna brasiliana, ma in casa con loro viveva anche una bimba di 4 anni che aveva registrato all’anagrafe come figlia propria. In realtà, si trattava di una bimba brasiliana che una donna aveva consegnato alla moglie dell’imputato perchè non riusciva a mantenerla: un caso di finta adozione, che però è stato scoperto dalla squadra mobile di Varese, in seguito all’indagine sugli abusi che l’uomo, secondo le accuse, ha commesso nei confronti della piccola. La bimba è stata affidata a una comunità e il tribunale dei minori potrebbe presto deciderne l’adottabilità, ma anche la madre naturale, a Brasilia, ha nel frattempo chiesto di poter tornare a occuparsi della figlia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.