George Merk in concerto a Castellanza

Il cantautore svizzero, figlio di Rita Pavone e Teddy Reno, chiude la prima fase del suo tour al Carlsberg di Castellanza, presentando l'album in cui è contenuto il popolare singolo "Mask on"

George Merk, cantautore svizzero ma dalle solide radici italiane (è infatti figlio di Teddy Reno e Rita Pavone), concluderà la prima fase del suo tour con una data in Italia, domenica 29 novembre, approdando sul palco del Carlsberg di Castellanza (via Don Minzoni, 71).

Sarà l’occasione per il pubblico italiano di ascoltare i brani contenuti in “X”, ultima opera dell’artista
svizzero.

“X” (tubejamrecords/IRD), spinto dal singolo “Mask On” niente meno che negli studi di “Striscia la
Notizia”, ha ricevuto un’ottima accoglienza da parte della critica italiana tanto da ritagliarsi ampi spazi non solo sulle pagine delle riviste specializzate (ROCKSOUND, ROCKERILLA, IL MUCCHIO ecc..), ma anche sui maggiori quotidiani italiani (LA REPUBBLICA, IL GIORNALE, LIBERAL
ecc.)

George Merk ha costituito un caso nella propria terra natale essendo stato il primo svizzero italiano a piazzare un’opera prima addirittura nelle sempre selettive radio inglesi (BBC, LINKFM, HFM ..).

Terminata dunque la prima fase dell’X tour, George Merk tornerà in studio per un breve periodo per la stesura di nuovo materiale, per poi riprendere il tour a partire da febbraio 2010 con diverse date in Italia e nel resto d’Europa.

NOTE BIOGRAFICHE

George Merk, nato in Svizzera doppio figlio d’arte (è infatti figlio di Rita Pavone e Teddy Reno), decide da subito di seguire una propria carriera artistica lontano dagli “aiutini” dei genitori.
Dopo essere cresciuto ascoltando gli LP di band inglesi come Led Zeppelin, Jethro Tull e Beatles, a 15 anni imbraccia la chitarra e comincia la gavetta in piccole band tra il Ticino ed il nord Italia.
I svariati concerti che ne seguiranno servono a George per sviluppare il proprio stile compositivo e a ricercare i membri che andranno a comporre la propria band.
Nel 2002 tutti gli sforzi degli anni precedenti sfociano nella pubblicazione del primo album “George”. Nonostante l’album fosse un’autoproduzione, canzoni come “Winter” o “A Lazy one” cominciano ad entrare nelle classifiche delle radio svizzere e non solo: la leggenda della BBC Chris Moyles inserisce questi brani nella propria classifica delle migliori canzoni scoperte sul web. Spinto da questi incentivi, George decide di trasferirsi in Inghilterra. Questa esperienza segna profondamente il cantautore che si trova a confrontarsi con un mondo musicale ben più ampio di quello in cui è cresciuto. Gli anni che
ne seguiranno sono colmati da un’attività live no-stop e da diversi cambi di formazione.
Il 2009 è la volta di “X”. L’album, uscito per l’etichetta TubeJamRecords e distribuito dalla IRD, è
prodotto in Italia presso i rinomati Cavò Studio di Bergamo, mentre la masterizzazione viene affidata a Jon Davis (Kula Shaker, Kaiser Chief, Maximo Park, Led Zeppelin ecc) dei Metropolis Studios di Londra.
“X” viene spinto dal singolo “Mask On” presentato in Italia prima nel programma musicale di Rai 2 “Scalo 76” e poi nel salotto di Canale5 “Striscia la notizia”, dove il brano fa ballare le veline per ben 11 giorni. Anche “X”, come il lavoro precedente, esce dai confini di Italia e Svizzera italiana: “Mask On” viene inserito prima nella compilation dedicata ai brani più trasmessi dalle radio di tutta la Svizzera, e poi in diverse radio Inglesi tra cui la prestigiosa BBC.
La band George Merk è attualmente costituita da: George Merk- voce, chitarra; Mauro Gambardella – batteria; Greg Keltz- basso; Andy Rochi – chitarra.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.