I dipendenti dell’Insubria protestano contro il decreto Brunetta

I lavoratori si sono dati appuntamento davanti al rettorato per esprimere il proprio dissenso sulle nuove norme

Un’occupazione simbolica del Rettorato come avvenuto in molti altri atenei italiani. È quanto è successo oggi, martedì 3 novembre, nella sede di via Ravasi dell’università dell’Insubria, dove un folto gruppo di dipendenti del personale tecnico e amministrativo ha organizzato una protesta contro il decreto attuativo della Legge 15/2009, approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 9 ottobre. Quello più noto comeDecreto Brunetta”, spiegano i manifestanti, rischia di mettere in atto lo smantellamento del sistema pubblico, il progressivo innesco di processi di gestione d’ordine gerarchico e centralistico e l’abbassamento dei livelli di tutela contrattuale. Uno dei punti centrali della manifestazione è stato il nuovo sistema di valutazione individuale del personale introdotto dal decreto, definito “premiale”, che suddivide i lavoratori in tre fasce di valutazione, sulla base di relazioni fatte dai dirigenti delle singole unità organizzative. Un’articolazione che, secondo gli organizzatori della protesta, mortifica il lavoro e la professionalità dipendenti dell’Università, con il serio rischio di pesanti negative ricadute sul trattamento economico diretto e sulla liquidazione per la maggior parte del personale.

Con il decreto, si riducono inoltre gli spazi di contrattazione nazionale ed integrativa togliendo importanti materie quali: mobilità, organizzazione del lavoro, carriere e pieno utilizzo delle risorse per il salario accessorio “comunque denominate”. Si prevede infine che le nuove progressioni economiche siano obbligatoriamente a carattere selettivo, e che quindi non potranno riguardare la generalità del personale.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.