I sindacati: «Senza accordo i dipendenti non si fidano»

Secondo Fausto Sartorato di Sdb intercategoriale molti sono rimasti alle dipendenze del comune in mancanza di un protocollo d'intesa con i sindacati

«Per la precisione i dipendenti che sono passati sotto il comando di Agesp sono solo 4, uno è già tornato indietro». Fausto Sartorato, sindacalista di Sdb intercategoriale, precisa il numero dei dipendenti che hanno deciso di passare da Palazzo Gilardoni ad Agesp Servizi. La multiservizi ha ricevuto dal comune, infatti, la gestione del verde pubblico, la manutenzione delle strade e la gestione del patrimonio immobiliare comunale. «Lo scarso successo dell’iniziativa, secondo noi nemmeno del tutto legale visto il decreto Brunetta, è il risultato della chiusura nei confronti dei sindacati che chiedevano un accordo – aggiunge Sartorato – è evidente che la nostra richiesta di protocollo d’intesa poteva almeno dare qualche garanzia ai lavoratori che, invece, sarebbero passati dal comune ad Agesp senza alcuna garanzia». Sartorato, infine, elogia l’iniziativa del consigliere di rifondazione Comunista Antonio Corrado che ha presentato un esposto al difensore civico e, per conoscenza, anche alla Procura di Busto che avanza irregolarità nello start-up aziendale in base al decreto Brunetta del 2008, poi convertito in legge.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.