IAB Forum: a Milano si parla della pubblicità su Internet

Torna a FieraMilanoCity la fiera dedicata all'advertising sul web. Nel Regno Unito la raccolta pubblicitaria su Internet ha superato quella della tv

iab forumUna riflessione e un confronto sull’economia, la società e la politica nell’era dei media digitali interattivi, per contribuire a identificare nuove opportunità di crescita per il Sistema Paese: sono questi gli obiettivi dell’edizione 2009 di IAB Forum, attesa per il 3 e 4 novembre presso il Milano Convention Centre di Fiera Milano City, con la partecipazione di esperti del settore, aziende e istituzioni.

Ad aprire i lavori, martedì 3 novembre, sarà Layla Pavone che, in qualità di Presidente di IAB Italia, traccerà un quadro del mercato italiano della comunicazione digitale interattiva, in un momento storico di importanza cruciale per lo sviluppo e la crescita del mezzo internet a livello globale. La riflessione sul tema continuerà nell’ambito della prima tavola rotonda dal titolo “Il futuro dell’economia digitale in Italia”, che metterà a confronto istituzioni e consumatori.

Alla luce del recente sorpasso britannico della pubblicità online rispetto a quella televisiva, toccherà poi a Guy Phillipson, Chief Executive di IAB UK, illustrare il fenomeno alla platea milanese, affinché l’esempio del Regno Unito possa fare da traino per l’evoluzione dell’advertising sul web anche in Italia. Inoltre, per uno sguardo più completo alla scena internazionale, il CEO di IAB US Randall Rothenberg offrirà una panoramica sulle ultime tendenze del settore negli Stati Uniti.

Dopo un’analisi dei primi risultati dell’Osservatorio IAB Italia/Accenture sul mercato della comunicazione digitale in Italia illustrata da Marco Vernocchi, Global Managing Director Accenture – Media & Entertainment, la mattinata si concluderà con un talk show tra gli esponenti delle principali aziende che operano nel settore di internet e dei new media, per analizzarne dinamiche attuali e scenari futuri.

I lavori di mercoledì 4 novembre saranno aperti da Fabiano Lazzarini, General Manager di IAB Italia, che farà un bilancio delle numerose attività e iniziative promosse dall’Associazione nel 2009, per una riflessione sui mutamenti e sulla percezione dei media digitali interattivi a poco più di dieci anni dalla nascita dell’Interactive Advertising Bureau in Italia.

Ospite d’eccezione della seconda giornata di IAB Forum sarà David Weinberger, filosofo e scrittore statunitense, guru dell’internet marketing, nonché membro dell’Harvard Berkman Center for Internet & Society, che interverrà sul tema "Transparency and Trust".

Anche quest’anno, il Presidente di IAB Europe Alain Hereux darà il proprio contributo al convegno affrontando il tema dei "Legal and business challenges for digital Europe", seguito dall’intervento di Diego Masi, Presidente di AssoComunicazione.

A chiusura dei lavori della mattinata, si terrà una tavola rotonda con UPA (Utenti Pubblicità Associati) alla quale prenderà parte il Direttore Generale di Upa Giovanna Maggioni durante la quale le aziende partecipanti condivideranno esperienze, informazioni e suggerimenti sulle potenzialità della comunicazione digitale in un’ottica di business. Non mancheranno, infine, numerosi workshop tematici a cui saranno dedicati i pomeriggi di entrambe le giornate di IAB Forum.

L’agenda completa e maggiori dettagli sul convegno sono disponibili sul sito www.iabforum.it, dove è possibile iscriversi all’evento compilando l’apposito modulo online.

In occasione del Forum, anche per il 2009 IAB Italia ha confermato il proprio impegno a favore dell’ambiente, rinnovando l’adesione al progetto Impatto Zero® di LifeGate (www.impattozero.it) per compensare le emissioni di CO2 prodotte dall’evento e dai propri uffici attraverso la creazione di nuove foreste.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.