Il Governo va sotto due volte

L'opposizione batte la maggioranza su due emendamenti al disegno di legge di riforma alla Finanziaria. Registi dell’operazione sono l’Idv e il Partito Democratico

Il Governo va sotto due volte su sul disegno di legge di riforma alla Finanziaria. E rischia per anche una terza, dove si salva per due voti grazie all’assenza dei rutelliani impegnati alla conferenza stampa di presentazione di “Alleanza per l’Italia”, la nuova formazione politica dell’ex leader della Margherita.
Registi dell’operazione sono l’Idv e il Partito Democratico. L’articolo sul quale l’opposizione ha battuto la maggioranza è l’art.21, che disciplina il bilancio di previsione. Con l’emendamento dell’Idv, a prima firma Renato Cambursano, viene introdotto un raccordo tra i programmi di bilancio e la nomenclatura Cofog (Classification Of Function of Government, una classificazione definita a livello internazionale dalle principali istituzioni che si occupano di contabilità nazionale: OCse, Fmi ed Eurostat, ndr). Con l’altro emendamento, a firma Linda Lanzillotta e fatto proprio dal Pd, si punta ad evidenziare il collegamento tra gli indicatori e i parametri che devono essere indicati negli stati di previsione e il sistema di indicatori ed obiettivi che la legge sulla trasparenza ed efficienza della P.A.
Il governo e la maggioranza erano stati battuti anche martedì nel corso delle votazioni sull’articolo 7. L’emendamento del Pd prevedeva che il governo porti in Parlamento entro il 15 settembre uno «schema di decisione di finanza pubblica» e non più la «decisione di finanza pubblica» (Dpf) come indicava il testo dell’esecutivo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.