Il lago di varese raccontato dall’Insubria

Un bel reportage degli studenti del laboratorio di videogiornalismo racconta, per storia e testimoni, la travagliata vita del lago in un video sul web

video del laboratorio di videogiornalismo dell'università dell'InsubriaUn vero e proprio reportage sul lago di Varese, approfondito e veloce, la cui attenzione viene catturata dal montaggio dei numerosi testimoni: è da applauso il video degli studenti del laboratorio di Giornalismo Televisivo della facoltà di Comunicazione dell’università dell’Insubria, diretto da Antonio Franzi. Una indagine televisiva sulla storia del tormentato lago cittadino che si può vedere comodamente sul web.

«E’ stata una bella esperienza con i ragazzi, come lo è da quando sono professore all’Insubria – spiega Franzi, che oltre a professore è un "pilastro" della comunicazione varesina – ma c’è da dire che questo è un corso che viene espressamente scelto da loro, perciò chi lavora qui è ben motivato». Un laboratorio che non necessariamente forma videogiornalisti: «L’obiettivo non è tanto quello, quanto permettere a dei ragazzi che andranno ad occuparsi di comunicazione di capire meglio qual è il processo di formazione dell’immagine, indipendentemente dal fatto se vi lavoreranno o no».

Antonio FranziPer farlo, hanno potuto usufruire di un laboratorio giovane giovane: «Negli ultimi due anni l’università dell’Insubria ha fatto un grande sforzo per implementare l’aula laboratorio, e dotarla di attrezzatura e software decisamente al passo con i tempi – commenta Franzi (nella foto) – Una scelta che sta portando buoni frutti: ragazzi usciti negli scorsi anni dal corso stanno ora facendo ulteriori stage, approfondendo la ricerca nell’ambito ambientale scientifico e si sta lavorando a una maggiore continuità, attraverso alla collaborazione con altri enti».

Dallo scorso anno infatti i filmati degli studenti sono realizzati interamente nel laboratorio multimediale: «Un laboratorio che è conseguenza del mio lavoro principale all’Insubria: la cablatura dell’ateneo in rete ottica – spiega la responsabile del laboratorio, e responsabile informatica dell’ateneo, Marta Ferrari - una rete che ha ha disposizione gigabit: il che significa che ha ancora tanto spazio per essere riempita di contenuti, ed è in grado di far fruire questi stessi contenuti ad un’alta qualità. per sperimentarlo, non c’è niente di meglio che dei video in streaming»: i primi sono stati i backstage dei mondiali di ciclismo. Ora, il reportage sul lago di Varese.«Ma a breve ne è già previsto un altro».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.