In manette Mongardini, broker del calcio

Arrestato Marco Mongardini patron del calcio e broker della Fliri bank con sede a Londra

Era il 2007 quando una banca varesina denunciò il tentativo di cambiare alcuni bond falsi. L’inchiesta fu acquisita dal pm Tiziano Masini e nel giro di due anni ha portato allo smantellamento di un’associazione per delinquere finalizzata alla truffa, al falso e all’impiego di titolo di credito fittizi.
La Guardia di Finanza di Varese e di Ascoli Piceno ha arrestato il patron di questa società che si muoveva soprattutto nel mondo del calcio: in manette è finito Marco Mongardini, originario di Arquata del Tronto, mille abitanti, proprio il comune dove lui sperava di realizzare una cittadella dello sport avvenieristica.
Mongardini diceva di essere il presidente della Floris Bank, istituto  di Londra, con sede in tutto il mondo. Si muoveva nei settori sportivo e imprenditoriale convincendo alcuni imprenditori, anche varesini, ad entrare nelle sue società portando in garanzia obbligazioni e bond contraffatti.
Tra le operazioni messe in campo da Mongardini l’acquisto della Pro Vercelli, del Savona calcio  e del Modena.

Secondo l’accusa dell’inchiesta varesina( una parallela è stata condotta ad Acoli PIceno), Mongardini avrebbe operato tra il varesotto e il comasco attraverso società che si sarebbero poi rivelate scatole vuote. Arrestate altre due persone.

(seguono aggiornamenti)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.