“Indecente e pericolosa” la soglia di sbarramento in Lombardia

Così Mario Agostinelli e Osvaldo Squassina, consiglieri regionali di Sinistra - Unaltralombardia aderenti a Sinistra e Libertà

“Dalle dichiarazioni, apparse sulla stampa, dei capogruppo del PdL e del PD in Consiglio Regionale, apprendiamo che si è deciso di introdurre con il beneplacito del Pd lo sbarramento al 4% anche nelle elezioni regionali del prossimo 28 marzo.
La decisione è stata presa dalla maggioranza dopo un vertice regionale con la presenza di Formigoni e di alcuni ministri”. Così Mario Agostinelli e Osvaldo Squassina, consiglieri regionali di Sinistra – Unaltralombardia aderenti a Sinistra e Libertà
“Per l’ennesima volta – dicono i consiglieri – , alla vigilia di un voto, assistiamo all’umiliazione della democrazia con il fine di eliminare qualsiasi voce di Sinistra. E ancora una volta con la complicità del PD (con Veltroni prima e con Bersani ora?).
Un’operazione di una gravità inaudita, che serve solo a consolidare da un lato il potere assoluto di Formigoni e dall’altro a consentire qualche posticino in più ad un PD lombardo che rischia di apparire subalterno alle logiche del potere.
Di fronte a questa brutta notizia invitiamo tutte le persone democratiche a prendere posizione per evitare che in Lombardia si consumi l’ennesimo attentato alla democrazia, che fa il paio con quanto accade nella società e nei luoghi di lavoro, dove si vuole impedire ai lavoratori metalmeccanici di esprimere il loro giudizio sull’accordo separato per il loro contratto di lavoro.
In una società complessa dove crescono le povertà e aumentano le ingiustizie voler cancellare la democrazia e le sue forme di rappresentanza è una scorciatoia pericolosa”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.