L’algerino accusato di aver ammazzato Khalid non parla

Convalidato il fermo in carcere per il delitto di via Maspero: l'uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere

E’ stato convalidato il fermo, e disposta dal gip la custodia cautelare in carcere, per Belaib Abdelaziz, 24 anni, algerino senza permesso di soggiorno, l’uomo che secondo le accuse, ha ferito a morte Khalid Amidha nell’hotel dei disperati di via Maspero, venerdì scorso. L’algerino si è avvalso della facoltà di non rispondere, ma contro di lui ci sono le testimonianze degli altri occupanti del rifugio clandestino che hanno raccontato di un litigio tra i due uomin:,ubriachi, si erano affrontati, una prima volta, di fronte anche agli altri ragazzi della casa. Il tutto perchè l’algerino si era sentito disturbato mentre dormiva. Il presunto omicida è stato trovato, alla stazione di Cavaria, con un maglione che portava impresse tracce di sangue.
 
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.