L’assessore Peroni: “Soddisfatta da Duemilalibri, no alle stroncature totali”

L'assessore alla Cultura non accetta le critiche contrarie alla rassegna letteraria gallaratese: "Non mi piacciono le valutazioni parziali, in media la manifestazione è andata bene"

Isabella Peroni non accetta la stroncatura totale di Duemilalibri, la rassegna del Isabella Peronilibro e dell’autore andata in scena a Gallarate e nei comuni limitrofi dal 17 al 30 ottobre. L’assessore alla Cultura del Comune dei Due Galli parla di «obiettivi raggiunti, anche se ogni anno bisogna migliorare. Sono soddisfatta, la seconda parte è stata molto partecipata sia come numeri di presenze che come dibattito in sala – spiega l’assessore Peroni, da otto anni impegnata in Duemilalibri con diversi ruoli, tra biblioteca e assessorato -. A Cassano Magnago abbiamo chiuso alle 23.30 con ancora tanta gente in sala. Il calendario era ricco e fitto di incontri, il pubblico ha potuto scegliere tra tante occasioni e comunque il libro è stato il protagonista assoluto della rassegna. Abbiamo fatto 48 incontri, non si poteva pensare di avere le sale sempre piene; oltretutto ci sono stati eventi concomitanti e situazioni esterne che ci hanno un po’ penalizzato, ma ripeto che nel complesso sono soddisfatta di come è andata: ci sono state punte d’eccellenza come gli incontri con Ambrosoli, quello organizzato dal Cai, quello in collaborazione con Ascom, con la danzatrice Astori».

Sulla figura del direttore artistico la Peroni non ha dubbi: «Non c’è nessuno che cala dall’alto le decisioni: si studia tutto il programma con lunghe riunioni con associazioni, librerie, l’assessorato stesso: si buttano giù i progetti e poi il direttore artistico (Angelo Crespi) coordina il lavoro. È tutto condiviso, la rosa degli autori proposti è sempre ampia e poi si lima via via col passare del tempo fino alle conferme definitive, ricevute con largo anticipo anche quest’anno. Non si è snaturata la struttura del vecchio Duemilalibri, la collaborazione c’è e ci sarà sempre: solo con una mole di incontri di questo tipo non si può non avere una figura di coordinamento come quella del direttore artistico».
Anche per quanto riguarda l’accusa di aver organizzato incontri politicizzati Isabella Peroni rispedisce al mittente le accuse: «Non è vero – dice -. Non si fa cultura colorata di politica, agli incontri si presentano libri, non si fanno comizi. In passato abbiamo avuto autori come Odifreddi e Fernanda Pivano. Anche quest’anno la dialettica è stata la linea portante della rassegna, con un’offerta ampia e variegata. Ci sono stati tanti giornalisti, è vero, ma nessuno ha mai detto di voler fare una rassegna di sola narrativa: abbiamo guardato al mercato, invitando chi ci sembrava essere più interessante. Credo che oggi ci sia meno voglia di evasione e più desiderio di documentarsi».

Duemilalibri 2009Alcune delle esperienze lanciate in questi due anni saranno riproposte anche in futuro: «Penso agli incontri fuori Gallarate, che hanno avuto un successo anche oltre le più rosee aspettative. E anche al Premio Chiara: in passato avevamo pensato di creare un premio letterario nostro, ma credo che una sinergia sempre più stretta con il Chiara sia un obiettivo concreto, anche per proiettarci verso la Svizzera, un ponte importante verso l’Europa anche in ottica Gam – spiega la Peroni -. Insomma, ritengo che la decima edizione di Duemilalibri in media sia andata bene. Se ci sono stati incontri con pochi spettatori bisogna anche dire che altri sono andati benissimo. Presto avremo un confronto con le librerie per capire anche il loro punto di vista e non è vero nemmeno che gli spettacoli della Fondazione, da Paoli a Mogol fino allo spettacolo delle Bolle di Sapone, siano stati inseriti all’ultimo per riempire dei buchi: c’è stato un progetto condiviso per inserire l’apertura della stagione all’interno di Duemilalibri e l’idea è nata alla fine della scorsa edizione, non dopo. Le valutazioni parziali non mi piacciono».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.