La Cimberio ingaggia Marko Tusek

L'esperto sloveno rinforza il reparto lunghi in attesa di responsi sulle condizioni fisiche di Slay. Vescovi: «Ci può dare una mano fin da subito». Primo allenamento previsto per mercoledì sera

marko tusek basketI dolori alla schiena e le pendenze giudiziarie di Ronald Slay hanno fatto correre ai ripari la dirigenza della Cimberio, che stamattina – martedì 3 novembre – ha annunciato l’ingaggio di Marko Tusek per i prossimi due mesi, con possibilità di estendere l’accordo fino al termine della stagione. Lo sloveno è una vecchia conoscenze del basket italiano: classe 1975 e cresciuto nell’Olimpia Lubiana, ha calcato i parquet della nostra serie A per ben dieci anni. Colonna portante della Pepsi Rimini eliminata ai playoff dai Roosters tricolori, Tusek ha poi vestito le maglie di Pesaro, Roma, Milano e Avellino (prossima avversaria della Cimberio tra l’altro), prima di emigrare in Spagna, all’Unicaja Malaga (una final four di Eurolega) e in Russia con l’Unics Kazan. Lunga anche la sua esperienza con la nazionale slovena dove ha giocato con fior di campioni anche di livello Nba.
«Slay si sottoporrà a nuovi esami alla schiena mercoledì – spiega il general manager biancorosso Cecco Vescovi - abbiamo avuto la possibilità di arrivare a Tusek e lo abbiamo preso per cautelarci viste le situazioni fisiche e giuridiche di Ronald. Sappiamo che si stava allenando a Podgorica e quindi ci auguriamo che possa subito essere pronto a darci una mano».
Il lungo di Trbovlje (2,04, 118 kg) arriverà a Varese domani (mercoledì) pomeriggio e dopo le visite mediche effettuerà il primo allenamento con i nuovi compagni. A differenza dalle settimane precedenti infatti la squadra di Pillastrini effettuerà una doppia seduta di lavoro al posto di quella singola del mezzogiorno.
Vescovi coglie anche l’occasione per commentare la bella vittoria colta domenica a Montegranaro: «Sono molto contento della partita che abbiamo disputato; ora però è necessario non esaltarsi, continuare a lavorare e a proseguire sulla nostra strada. Come è avvenuto la settimana precedente, quando erano arrivate alcune critiche dopo il match con Biella. Ci criticavano anche l’anno scorso ma alla fine abbiamo centrato l’obiettivo. La squadra non deve pensare agli umori esterni ma proseguire a lavorare come stabilito: i risultati arriveranno».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.