La Pro Patria convince ma non vince

Foligno-Pro Patria 1-1. I tigrotti giocano una bella partita, creano parecchie occasioni ma trovano solo un gol con Serafini. Nel finale la traversa toglie ai bustocchi un successo meritato

C’è più dispiacere che soddisfazione in casa Pro Patria, per il punto guadagnato sul campo del Foligno al termine della gara terminata 1-1. Già, perché il risultato non racconta quanto si è visto sul terreno di gioco dello stadio “Blasone”: la squadra di Cosco infatti ha creato occasioni da rete a ripetizione ma nonostante questo è rimasta a lungo in svantaggio per effetto di un gol subito a metà primo tempo. A raddrizzare l’incontro è stato Serafini, autore dell’1-1, ma anche il finale si è colorato di biancoblu con l’ennesimo gol fallito da Urbano (traversa). Certo, il bicchiere può anche essere mezzo pieno, per l’atteggiamento e il gioco messi in cantiere dai tigrotti anche lontano dallo “Speroni”; peccato però per la classifica che mantiene Caglioni e compagni nel gruppone di squadre a quota 15 e non permette di fare quel passo avanti per uscire dalla zona playout. Settimana prossima a Busto arriva un Monza galvanizzato dal successo in rimonta contro il Varese, ma questa Pro può davvero puntare a fare bene.
 
IL PRIMO TEMPO – Cosco schiera una squadra largamente rimaneggiata per via di una lunga serie di assenze. La Pro però non scende in campo in modo remissivo, anzi: i tigrotti appaiono pimpanti fin dai primi minuti e non rinunciano ad attaccare. Non è un caso che la prima occasione della partita arriva nei pressi della porta umbra: è appena passato il quarto d’ora quando Serafini inventa un passaggio filtrante su cui si butta Urbano che anticipa i difensori e colpisce in diagonale trovando pronto il portiere Rossini che strozza l’urlo del gol. D’altro canto l’estremo difensore anche settimana scorsa a Masnago aveva dato prova di essere giocatore davvero interessante. Un paio di ribaltamenti di fronte scaldano i tifosi delle due parti, una cinquantina quelli da Busto, ma anche il tentativo di Baù non trova fortuna. Con la Pro ad avere il predominio territoriale, sono però i “falchetti” di Foligno a trovare il vantaggio: al 26’ segna infatti Sciaudone che di testa trafigge Caglioni.
La doccia fredda è assorbita relativamente bene da Pivotto e compagni, che tornano a presidiare la metà campo del Foligno e si affida di nuovo a Urbano. Il pescadito prova l’azione personale, salta un uomo, entra in area ma si scontra con Pencelli con l’arbitro che non ravvisa falli da parte del difensore locale. Prima del riposo però è Caglioni a doversi opporre da campione per evitare il raddoppio del Foligno; fa quasi tutto Giacomelli che slalomeggia tra la difesa ospite e colpisce a botta sicura, trovando però l’opposizione del portiere della Pro. L’ultimo brivido, in pieno recupero, nasce sull’asse Serafini-Urbano ma questa volta il Foligno non trema.
 
LA RIPRESA – Passano pochi istanti e la Pro dimostra di non volersi arrendere: il primo a farsi vedere è il solito Urbano che al 5’ devia di testa un cross di Pacilli ma è di nuovo Rossini a compiere un miracolo, respingendo d’istinto. Poco dopo però è l’attaccante argentino a fallire una facile occasione, calciando fuori dalla zona del dischetto, solo davanti alla porta.
L’attacco della Pro assume le dimensioni dell’assedio: al quarto d’ora ci prova Bruccini che salta più alto di tutti ma sfiora soltanto il palo. Intorno al 20’ invece Serafini fallisce una grande opportunità alla stessa maniera di Urbano: l’attaccante entra in area e, solo davanti a Rossini, mette la palla sul fondo.
Sembra un incubo, ma la Pro riesce a scacciarlo al minuto 32: è proprio Serafini a farsi perdonare l’errore precedente e a trovare la rete del pareggio: 1-1.
Il meritato cambio di risultato risveglia un Foligno che fino a lì aveva badato ad amministrare. Il primo brivido ai tifosi tigrotti lo porta Cavagna che approfitta di una difesa bustocca ferma ma poi sbaglia un gol che ai più pare già fatto. Nel finale il Foligno fallisce un’altra buona palla con Calderini (subentrato a gara in corso) ma soprattutto la cronaca racconta della traversa colta da Urbano su assist di Sarno, con la palla che torna in campo nei pressi della riga di porta. Arbitro e guardalinee giudicano la sfera fuori e spengono così le speranze di una Pro che si deve accontentare di un punto e di una prestazione convincente.
 
Foligno – Pro Patria 1-1 (1-0)
 
Marcatori: Sciaudone (F) al 26’ pt; Serafini (P) al 32’ st
 
Foligno: Rossini, Gregori, Lispi, Borgese, Pencelli, Furiani, Sciaudone, Castellazzi (Rossi dal 43′ st), Virdis, Cavagna, Giacomelli (Calderini dal 18′ st). All. Fusi. A disp.: Tommasini, Nori, , Cavitolo, Fedeli, Da Dalt.
Pro Patria: Caglioni, Aquilanti, Pivotto, Rinaldi, Chiecchi (Som dal 27’ st), Baù (Sarno dal 15’ st), Passiglia, Bruccini, Urbano, Serafini, Pacilli (Cristiano dal 35′ st). All. Cosco. A disp.: Giambruno, Calà, Masiero, Polverini.
Arbitro: Bindoni di Venezia (Raffaelli e Pignone)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.