La truffa dei falsi titoli olandesi

L'arresto del broker Mongardini. Certificati fantasma comprati di nascosto a Malaga e promessi a un imprenditore varesino. Particolari allarmanti, nell’inchiesta della Gdf

Erano stati acquistati a Malaga in Spagna, da un misterioso sudamericano, i titoli falsi usati per truffare un imprenditore e scoperti grazie alla denuncia di una filiale bancaria varesina. Il giro dei 130 certificati falsi, è stato ricostruito dalla Guardia di finanza di Varese e registra particolari allarmanti ai danni dell’economia reale. L’inchiesta ha portato all’arresto di tre persone, Marco Mongardini, 43 anni, broker attivo nel settore calcistico, Andrea Guerci, 40 anni, considerato il braccio operativo di Mongardini, e il calabrese Francesco Carnevale, 41 anni,
Sono accusati di associazione per delinquere, truffa, riciclaggio. Nel 2006, si fecero dare 500mila euro da un imprenditore ambizioso della provincia di Varese (che in questa storia è parte lesa) per un progetto immobiliare nei dintorni di Roma. L’imprenditore si rivolse a una banca locale ma il funzionario, chissà perché, gli indicò di rivolgersi al broker. L’affare doveva svolgersi così: Mongardini(che sul web pubblicizzava una società di investimento in online, con sedi in otto paesi del mondo) gli avrebbe “prestato” 50 milioni di euro di titoli, e insieme avrebbero chiesto a una banca un finanziamento, potendo contare su quella garanzia. In cambio avrebbe pagato una commissione dell’uno per cento a Mongardini pari a 500mila euro.
Il raggiro, secondo gli inquirenti, riuscì. L’imprenditore scucì la somma promessa, ma una volta arrivato in filiale con i suoi “benefattori”, il direttore della Deutsche bank si insospettì e prese tempo. L’affare svanì ma l’imprenditore, forse spaventato, non fece denuncia. L’inchiesta, condotta dal pm Tiziano Masini, è infatta nata dalla denuncia della banca e ha portato agli arresti di ieri.
L’ordinanza di arresto emessa dal gip è netta: i titoli erano falsi, ed erano intestati alla banca olandese Ing, ignara di tutto. Ma il particolare inquietante è che i numeri di serie del documento cartaceo erano reali, cioè esistono davvero nel “caveau” virtuale della banca. Solo due particolari erano errati: il nome della capitale olandese era scritto con una consonante sbagliata: “Amsterdan” invece di “Amsterdam”. E nella grafica del titolo cartaceo il simbolo del leone arancione era fuori asse rispetto alla scritta.
Risultato finale:  la guardia di finanza ha sequestrato 130 titoli, del valore di 1 milione l’uno. Ne ha trovati 65 a Lugano (grazie a una rogatoria), a casa di un prestanome (ogni volta che ce n’era bisogno, li andavano a prendere), 40 a Ravenna, 30 a Moltrasio (Como). Fiancheggiatori del gruppo agivano in varie parti d’Italia: sono infatti 6 gli indagati a piede libero, e hanno per buona parte collaborato.   
Gli inquirenti hanno rilevato anche altri episodi ai danni di imprenditori, soprattutto nel comasco. Guerci (accusato dell’acquisto a Malaga) è stato arrestato a Oltrona San Mamette e il passaggio tra Italia e Svizzera di titoli è documentato. In una perquisizione sono stati trovati anche documenti intestati a una società del Lussemburgo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.