La Von fa un passo indietro: Rapallo espugna Varese

Alla Comunale la Yamamay sbaglia troppo; nella ripresa le liguri piazzano le reti decisive (6-8). Tre reti di Fantasia, ma la migliore è l'ex varesina Stasi

Scivola malamente tra le mura amiche la Yamamay di Jacopo Bologna, che alla Comunale si fa battere dall’eterna rivale Rapallo. 8-5 il finale per la formazione ligure, condotta dalle reti di Bianconi e dalla ex Solveig Stasi, ottima tra i pali. Ma più che per le prodezze avversarie, o dei fischi di un confusionario arbitro Bacis, la Von deve rammaricarsi anzitutto con se stessa: dopo un buon avvio le varesine hanno sbagliato troppo soprattutto in fase d’attacco, dove i tentativi di servire in boa Medea Verde sono stati vanificati da una serie di passaggi sballati. E in generale la Yamamay è rimasta per tutto il tempo troppo lontana dalla porta avversaria, spinta indietro anche nell’impostazione dalla difesa aggressiva di un Rapallo che poi, dalla parte opposta, ha tradotto in gol le superiorità a proprio favore. A completare il quadro anche due rigori falliti da Motta: il primo respinto dal palo a portiere battuto, il secondo deviato sopra la porta da Stasi.
La Von così interrompe di nuovo il proprio cammino e lo fa a sette giorni dalla trasferta di Palermo, dove servirà subito rimettere punti in classifica.
 
LA PARTITA – Il primo quarto è il più brillante in casa Varese: arrivano sei reti, tre per parte, con Mendozza che apre le danze ed è l’unica a realizzare con parità di giocatrici in acqua. Poi arrivano cinque gol di Cordaro, Queirolo, Fantasia, Bianconi e Rambaldi, che chiude la frazione con un gran tiro da fuori.
Varese rimane a galla anche nel secondo periodo, quello in cui c’è spazio anche per un’interruzione per un infortunio alla mano a Verde (l’arbitro non fischia nulla neppure in quest’occasione) che ne condizionerà la gara. La Yamamay riesce a pareggiare (5-5) con Fantasia a 10” dalla sirena di metà gara, dopo che la stessa Livia e due volte Bianconi avevano mosso il punteggio.
L’incubo di giornata però è in agguato e arriva dopo il cambio di campo; Varese non riesce a segnare per 15’ abbondanti, si vede respingere due tentativi da altrettanti miracoli di Stasi e subisce i gol di Cordaro (da posizione di boa) e Gyore che batte Van der Meijden prima su rigore e poi da vicino. Intanto Motta colpisce un palo sempre su rigore mentre la traversa respinge i tiri di Fantasia e Mendozza nella medesima azione.
Sotto 5-8 alla terza pausa la squadra di Bologna non riesce a mordere nel quarto conclusivo; il punteggio non si muove né al secondo rigore sbagliato (Stasi superba) né quando l’arbitro caccia Favini e Gyore. Il 6-8 arriva con Mendozza in superiorità ma di secondi ne sono rimasti solo 42. Troppo poco per ribaltare la partita.
 
LE PAROLE – Coach Jacopo Bologna legge così la battuta d’arresto. «Non hanno pesato né influenza né arbitraggio: abbiamo giocato come contro Roma ma gli errori che avevamo già fatto mercoledì oggi si sono ripetuti e si sono rivelati decisivi. Le ragazze si sono spaventate e smarrite, vedi sul pressing: lo capisco per le giovanissime, non per le altre. D’altra parte comunque il Rapallo vanta un gruppo solido che rimane uguale da anni, su cui è stata innestata una straniera; in questo senso invece la Von è all’inizio di un lungo cammino. Le ragazze devono imparare a essere sempre le protagoniste del gioco, ricordandosi che da quest’anno non ci sono più quelle atlete come Zanchi o Valkaj che a un certo punto decidono in prima persona».
 
Yamamay Von Varese – Rapallo Nuoto 6-8 (3-3, 2-2; 0-3, 1-0)
 
Varese: Van der Meijden, Fisco, Esposito, Verde, Vettorello, Repetto, Fantasia 3, Cantone, Vitale, Rambaldi 1, Mendozza 2, Favini, Motta. All. Bologna.
Rapallo: Stasi, Bacigalupo, Bianchi, Queirolo 1, Cordaro 2, D’Amico, De Benigno, Gyore 2, Bianconi 3, Maggi, Farris. All. Sinatra.
Arbitro: Bacis.
Note. Sup: V 5/11; R 5/8. Spettatori: oltre 400.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 07 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.