Le donne del Pdl “alzano la voce”

Lo scorso 15 ottobre si è costituita ufficialmente l’Associazione “Donne in Libertà”. L’Associazione nasce dalla volontà politica delle donne elette ai vari livelli istituzionali nelle liste del Popolo della Libertà

Lo scorso 15 ottobre si è costituita ufficialmente l’Associazione “Donne in Libertà”. L’Associazione nasce dalla volontà politica delle donne elette ai vari livelli istituzionali nelle liste del Popolo della Libertà, di mettere a disposizione le proprie competenze e le proprie esperienze, affinchè da un positivo confronto democratico si possa contribuire alla costruzione di un grande partito.
Scopo dell’Associazione è quello di promuovere iniziative culturali, sociali e politiche che favoriscano e facilitino la formazione e la partecipazione delle donne all’attività politica attraverso un’azione che si basi sul riconoscimento ed il rispetto per il principio di pari opportunità. L’attività dell’Associazione mira a rafforzare l’identità delle donne ed a trarre ricchezza dalla diversità tra i sessi affinchè questa diventi una risorsa. Sarà promosso il riconoscimento del merito, verrà garantita a tutti gli associati l’acquisizione delle conoscenze e delle competenze necessarie per partecipare attivamente alla vita politica e saranno solleci- tate le donne affinché intraprendano un percorso politico incentivandone l’accesso alle candidature.
Le relazioni tra uomini e donne saranno fondate sul sostegno reciproco e sul rispetto dei principi ispiratori dell’Associazione: libertà, legalità, uguaglianza, solidarietà e meritocrazia. Ciascun associato si attiverà affinché i partiti politici siano incoraggiati e spronati a rimuovere ogni barriera che direttamente o indirettamente discrimini la partecipazione delle donne al processo culturale, politico e decisionale: una partecipazione più equilibrata a tali processi rispecchierà più fedelmente la composizione della società e costituirà un elemento essenziale per il corretto funzionamento della democrazia.
Sei le socie fondatrici: Camilla Musciacchio (Consigliere Provinciale e Consigliere Comunale a Trezzano sul Naviglio, ricopre la carica di Presidente dell’Associazione), Paola Ghiringhelli (Consigliere Comunale e Coordinatore a Pioltello, nominata Vice Presidente), Lidia Katia Ruzzon (Assessore al Bilancio del Comune di Paderno Dugnano è Vice Pre- sidente e Tesoriere), Alessandra Mercanti (Consigliere Comunale e Capogruppo a Settala, ha assunto la carica di Segretario Generale), Marina Petruni (Consigliere Comunale e Capogruppo a Settimo Milanese è Responsabile Organizzativo), Maria Grazia Vaticano (collabora alla Se- greteria Provinciale ed è Responsabile del Tesseramento).
Nove le socie nel Consiglio Direttivo: Franca Rossetti (Sindaco di Se- nago), Lorella Borghetti (Consigliere Comunale a Rho), Maria Elisabet- ta Cattaneo (Consigliere e Presidente del Consiglio Comunale a Sedriano), Enza Corbu (Consigliere e Presidente del Consiglio Comunale a Cassina dé Pecchi), Linda Ghidoli (Consigliere ed Assessore a Sedria- no) Silvia Stella Fagnani (Consigliere Comunale e Capogruppo a Se- driano), Antonella Mairate (Assessore a Vigevano), Barbara Novo (As- sessore a Senago) e Manuela Zandegiacomo (Consigliere Comunale ad Arese).
Tanta esperienza politica dunque e di gestione amministrativa alla base di questa Associazione che, già nel mese di novembre, ha intenzione di organizzare a Milano un convegno in occasione del quale si presenterà ufficialmente alla città.
L’adesione è aperta a tutte le donne e uomini che si riconoscano nei principi ispiratori e negli obbiettivi dell’Associazione e che abbiano in- tenzione di lavorare attivamente per perseguirli. Per maggiori informazioni e per aderire all’Associazione in- fo@donneinlibertà.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.