Motori nautici taroccati, due denunciati

Scoperti dalla squadra nautica della Provincia documenti di navigazione falsi e un traffico di riciclaggio di motori per uso nautico

polizia nautica laveno mombelloGiro di vite della squadra nautica della polizia provinciale di Varese. Sono due le persone denunciate all’autorità giudiziaria, mentre sono stati rinvenuti motori marini con punzonature e piombature alterate, certificati nautici contraffatti e timbri ministeriali della motorizzazione civile clonati (nella foto). Addirittura i certificati nautici stati abilmente alterati, anche nelle punzonature ad aghi.
L’indagine è partita da ispezioni a cantieri nautici e da controlli in acqua su imbarcazioni; l’attività della polizia provinciale nautica ha portato ad individuare un business di contraffazione dei documenti nautici con tecniche sofisticate.
Dalla polizia nautica un appello rivolto ai compratori di motori nautici usati, al fine di evitare sequestri e denunce: «Verificare sempre la presenza di anomalie sui documenti come correzioni, plastificazioni, copie fotostatiche o scannerizzazioni. Verificare sempre anche i numeri di serie riportati all’interno dei motori marini».
Per contrastare efficacemente l’azione di falsari e ricettatori di documenti e mezzi, gli investigatori hanno effettuato una formazione ad hoc con i militari della marina militare, sezione di polizia giudiziaria di mare, che ha dato frutti decisamente positivi.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.