Nasce l’associazione per il Centro di Varese

A firmare l'accordo che sigla la nascita di InVarese Ascom e Confesercenti insieme, sotto l'egida del Comune

la firma dell'accordo: da sinistra Salvatore Giordano, Giorgio Angelucci, Cesare LorenziniContinua e si rafforza il percorso comune delle due associazioni commercianti per lavorare sul “centro commerciale naturale” del centro di Varese: è stato firmato stamattina, 23 novembre 2009, l’accordo della associazione InVarese.
Obiettivo dell’associazione è dare piena attuazione al programma di intervento del Distretto Urbano del Commercio (Duc) della città di Varese, adottando iniziative adatte di promozione del distretto.
Soci “ordinari” della associazione di promozione sono il Comune di Varese (per l’amministrazione ha firmato l’assessore al commercio Salvatore Giordano), l’Ascom (firmatario il presidente, Giorgio Angelucci) e la Confesercenti (Ha firmato per l’asociazione Cesare Lorenzini, il presidente), che si occuperanno fattivamente delle attività dell’associazione e rappresenteranno all’interno del Consiglio Direttivo le istanze pervenute loro dalle imprese operanti sul territorio del distretto: con loro però è prevista la possibilità di diventare socio sostenitore, con diritto di partecipazione e di voto in seno all’assemblea.

Con questa prima grande firma comune delle due associazioni del commercio, e sotto l’egida del Comune, ora il centro cittadino ha anche le carte finanziarie per diventare un distretto commerciale capace di attrarre visitatori e turisti: potrà gestire infatti direttamente i fondi della Regione per i distretti urbani del commercio.

Il Duc varesino, a favore del quale la nuova associazione lavorerà, comprende l’area del centro storico e il quartiere di Biumo Inferiore, dove sono concentrate le zone che, secondo l’opinione dei progettisti, rappresentano i “punti” shopping del centro commerciale naturale, raggiungibili a piedi o in bici. A Varese l’apparato commerciale al dettaglio conta 1362 unità locali, pari a 16,6 ogni mille abitanti. Di queste 530 sono nel centro urbano, quasi il 39% del totale, e poco meno di metà nella cerchia più stretta, l’area pedonale.  I primi impegni comuni a favore del centro di Varese saranno ovviamente, quelli natalizi: innanzitutto, le luminarie. Poi, tutto quello che questo Natale d’austerity permetterà.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.