“Non accettare borse dagli sconosciuti”

I prossimi 27 e 28 novembre i venditori ambulanti scendono in campo personalmente contro l'abusivismo e la vendita di articoli contraffatti. Per sensibilizzare le istituzioni, ma soprattutto i loro clienti. Ecco i loro consigli

Il manifesto dell'iniziativa degli ambulanti contro l'abusivismoAmbulanti contro venditori di borse tarocche.
Venerdì e sabato prossimi, 27 e 28 novembre, i venditori ambulanti varesini scendono in campo personalmente contro l’abusivismo e la vendita di articoli contraffatti.
Non accettare borse dagli sconosciuti” è il significativo nome della campagna di sensibilizzazione che Anva Confesercenti e Fiva Confcommercio, in tutto il territorio nazionale ma anche nella Provincia di Varese, hanno messo in campo contro l’abusivismo commerciale. Il messaggio è rivolto a due destinatari: le autorità, affinché vengano adottate tutte le azioni per estirpare e prevenire il fenomeno; e poi ai sempre più numerosi clienti dei venditori abusivi, che nella maggior parte dei casi comprano merce contraffatta, per “risparmiare” o per un malinteso senso di solidarietà sociale.

«È condizione abbastanza generalizzata e comune – precisa infatti Rodolfo Calzavara,  presidente della Fiva Confcommercio varesina – che, in concomitanza con lo svolgimento di mercati e fiere, si inseriscano gruppi, anche ben organizzati, di venditori abusivi che mettono in vendita prodotti a marchio contraffatto o di dubbia provenienza, in totale spregio di ogni norma legislativa e fiscale».  Si tratta di “intrusioni” tra i commercianti con regolare licenza che portano spesso  a tensioni anche fisiche: non è difficile tra operatori infatti arrivare anche alle mani. 

due ragazze cinesi leggono il contenuto del volantino contro l'abusivismo La battaglia, spiegano le associazioni, non è contro i lavoratori immigrati:  «Gli imprenditori stranieri che esercitano regolarmente il commercio su aree pubbliche rappresentano oggi oltre il 30% del comparto, si sono perfettamente integrati nel rispetto delle nostre leggi e sono i benvenuti all’interno della categoria – spiega Ilario Pelucchi, presidente di Anva Confesercenti Varese – Lungi da noi, quindi, il voler porre questioni di natura razziale o legate al fenomeno dell’immigrazione. Il problema vero e fino ad ora gravemente sottovalutato, è che l’esercizio abusivo del commercio ha assunto tale profondità e dimensioni da non potere più essere considerato un fatto marginale che garantisce sussistenza a pochi bisognosi, bensì uno dei modi con i quali le organizzazioni criminali inquinano pesantemente la vita economica».

La campagna di sensibilizzazione è prevista per il 27 e il 28 novembre e conta anche del Patrocinio del Ministero degli Interni: saranno coinvolti tutti i mercati in calendario venerdì e sabato in particolare quelli di Varese, Busto Arsizio, Gallarate, Gavirate e Castiglione Olona. Qui saranno distribuiti a tutti i cittadini migliaia di volantini, ed affisse centinaia di locandine.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.