Omicidio delle mani mozzate, fermato un imbianchino

Fermo di polizia per un uomo originario di Cocquio, Giuseppe Piccolomo, 58 anni, che conosceva la vittima. E' stato interrogato nella notte in questura e portato in carcere in serata a disposizione del gip

cocquio omicidio molinari arrestoGiuseppe Piccolomo, 58 anni, imbianchino di Ispra ma originario di Cocquio, è l’uomo fermato dalla polizia e dai pm Maurizio Grigo e Luca Petrucci, ieri pomeriggio, per omicidio premeditato aggravato da brutalità e futili motivi, nei confronti di Carla Molinari. E’ uscito dopo le 19 dalla questura di Varese: tarchiato, capelli grigi, giubbotto arancione, e seppur ammanettato ha cercato di coprirsi il viso con un foglio per proteggersi dai flash dei fotografi mentre un’auto della polizia lo ha portato in carcere. La svolta alle indagini è arrivata dopo una giornata e una notte di interrogatori, in questura, dove gli inquirenti lo hanno tenuto fino alle 3 e 30 di giovedì mattina. All’uomo è stata perquisita la casa. Secondo indiscrezioni, sotto la barba nasconderebbe segni di graffi. Il suo nome, è stato iscritto nel registro degli indagati già nella notte di ieri, quando un avvocato d’ufficio si è presentato in questura, poco dopo la mezzanotte.
Le prove che, secondo le accuse, lo incastrano, raccolte dagli agenti della squadra mobile di Varese e dallo Sco, sono definite «inequivocabili». In particolare, risultano contatti diretti e presenza nello stesso posto, nell’ora indicata dai periti come quella in cui è stato consumato il delitto dell’ex tipografa, 82 anni, in pensione. Gli investigatori gli stavano addosso da giorni, in particolare a seguita di una segnalazione derivata dalla pista dei mozziconi: l’assassino, infatti, aveva posto delle sigarette già fumate, nella casa del delitto, per confondere le indagini. Basso di statura e con un omicidio cocquio trevisago carla molinari mani mozzate varesepiede compatibile con quello delle impronte trovate nella casa, questi altri particolari che sono, al momento, al vaglio degli inquirenti. Il fermo è un passo importante, però, non è una prova di colpevolezza. La posizione di Piccolomo andrà infatti valutata, nelle prossime ore, anche dal giudice delle indagini preliminari. A carico dell’uomo ci sarebbero forti indizi di colpevolezza ma le indagini sono ancora in corso e non si esclude che tra le frequentazioni dell’imbianchino salti fuori qualche altra sorpresa che possa portare al delinearsi preciso del movente.
Il delitto risale al 5 novembre scorso e ha destato allarme per le modalità efferate. Rimane da chiarire se, quella notte, Piccolomo fosse da solo, e che fine abbiano fatto le mani della donna e le armi del delitto. Un cacciavite, forse, e anche un coltello usato per tagliarle la gola.
Un ultimo particolare contribuisce a tracciare un quadro dell’indagato: nel 2003, la moglie era morta bruciata viva in un controverso incidente stradale, a Caravate. Per quell’episodio, aveva patteggiato un anno e quattro mesi per omicidio colposo.

Galleria fotografica

Cocquio a una settimana dall'assassinio 4 di 12
di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 novembre 2009
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Cocquio a una settimana dall'assassinio 4 di 12

Galleria fotografica

Omicidio Cocquio: le indagini 4 di 14

Galleria fotografica

Arresto per omicidio Cocquio 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.