“Paragonarci ai terroristi è vergognoso”

Dura replica del segretario del Pd Tiziano Zocchi alla Lega Nord, che aveva accusato la maggioranza di usare gli utenti della scuola di musica "come scudi umani per difendere la fondazione Montevecchio".

«Vergognoso» è l’aggettivo con cui il segretario del Pd di Samarate Tiziano Zocchi bolla le pesanti affermazioni della Lega Nord sulla Fondazione Montevecchio e sulla maggioranza che governa la città. Che i toni della dialettica politica samaratese fossero spesso sopra le righe, lo si sapeva. Ma le espressioni usate dal carroccio nel suo ultimo, duro comunicato non vanno proprio giù al rappresentante del PD: «La maggioranza viene accusata di “pratiche da terroristi palestinesi”, di aver utilizzato “scudi umani” in difesa della Fondazione. Accusare di comportarsi da “terroristi palestinesi” chi ha servito gratuitamente la propria città grazie al mandato dei samaratesi è semplicemente vergognoso!».
 
La campagna elettorale per il ritorno alle urne nel 2010 si annuncia indubbiamente molto combattuta, considerando che – al di là delle dure parole leghiste nelle settimane scorse -si è già assistito ad un botta e risposta dai toni accesi sui temi più caldi, l’urbanistica, la Fondazione Montevecchio e il progetto del centro culturale polivalente. Sul tema specifico Zocchi mette i puntini sulle i, ricostruendo quale fu la proposta di condivisione del percorso che portò alla creazione del nuovo ente che gestisce la villa Montevecchio: «La minoranza voleva controllare l’operato della Fondazione? Avrebbe dovuto semplicemente accettare la proposta, scritta e documentata agli atti, di far parte del Consiglio di Amministrazione» scrive il segretario del Pd. Che conclude poi sarcastico: «Che problema c’era? Nessuno. O forse uno: non erano previsti emolumenti».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.