Pedemontana: pedaggi, espropri e intrighi

Il cammino della nuova autostrada sembrava tutto in discesa ma in questi giorni le cose si sono complicate

La realizzazione dell’autostrada Pedemontana è uno progetti strategici della mobilità lombarda. Sono 157 chilometri di strada a un costo previsto di 4 milioni di euro, in parte finanziato dallo stato in parte dalle banche. La società guidata da Fabio Terragni (che nel frattempo si è dimesso a seguito della decadenza del cda, conseguenza del cambio di maggioranza politica alla provincia di Milano) ha presentato un progetto innovativo che prevede la realizzazione di 100 chilometri di compensazioni ambientali, la  cosiddetta greenway, cioè una pista ciclabile lombarda con parchi e percorsi verdi. Il percorso è affascinante ma suscita anche polemiche. I 20mila cittadini che subiscono espropri hanno protestato attraverso comitati organizzati sul territorio. A Varese sono scesi in campo i cittadini della Valle Olona e quelli di Gazzada, dove lo svincolo a 6 corsie è stato ridotto su richiesta dell’amministrazione comunale.
I comitati e alcune imprese e fattorie di Lozza, Solbiate, Fagnano, Cislago, Buguggiate, Gazzada, Morazzone continuano a protestare ma la polemica più dura, nel frattempo, si è spostata sul pedaggio ai primi lotti tangenziali di Varese e Como. Inizialmente, non era previsto alcun pedaggio, ma qualche giorno fa il nuovo cda lo ha nuovamente previsto. Il Partito Democratico ha attaccato duramente Lega e Pdl. Il deputato Daniele Marantelli ha affermato che i partiti che governano hanno ceduto alle pressioni dei poteri forti. Lo stesso attacco è arrivato dal segretario provinciale di Rifondazione Comunista Giovanni Bonometti che ha accusato i vertici del governo regionale di essere dei "bugiardi". La Lega ha annunciato che avrebbe fatto qualcosa e il deputato Marco Reguzzoni sta presentando una interpellanza parlamentare.
Ora tocca all’assessore Raffaele Cattaneo presentare una sua proposta per risolvere la situazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.