Primo passo verso un Consorzio comune

Partecipazione di massa all’incontro presso la sede di Tutela Ambientale del Magentino Spa a vialla Terzaghi che porterà alla costituzione di una patrimoniale unica per il servizio idrico

Giuseppe violaPrimo passo verso un Consorzio comune. Con l’incontro del 12 novembre presso la sede di Tutela Ambientale del Magentino Spa di Robecco sul Naviglio, in Villa Terzaghi, alla presenza del direttore dell’ATO (Ambito Territoriale Ottimale) Provincia di Milano, ing. Enos Borrini, e del Presidente di TAM Spa, dott. Giuseppe Viola (a sinista nella foto), oltre ai numerosissimi rappresentanti dei Comuni soci, è iniziato il processo che porterà alla trasformazione della Conferenza dell’ATO Provincia di Milano in Consorzio.
Secondo quanto previsto dalla Legge Regionale n. 1/09, tutti i Comuni della Provincia di Milano (compresi quelli che fanno capo a TAM) e della Provincia di Monza e Brianza, entro la fine dell’anno 2009 i Comuni dovranno infatti approvare all’interno dei propri Consigli Comunali i documenti inerenti alla trasformazione, ovvero la Convenzione e lo statuto di ogni Consorzio.
Si tratta del primo passo di un percorso che porterà anche alla costituzione di una patrimoniale unica della Provincia di Milano, all’interno della quale confluiranno le aziende del settore idrico TAM Spa, TASM (Tutela Ambientale Sud Milanese), Ianomi (Infrastrutture Acque Nord Milano) e CAP Holding.
Una realtà unica che rappresenterà, per legge, la seconda fase del processo innescato dalla creazione di una società pubblica come Amiacque che, costituita nel 2006, da gennaio di quest’anno è diventata il solo soggetto operativo responsabile della gestione dell’erogazione del Servizio Idrico Integrato nell’Ambito Territoriale Ottimale della Provincia di Milano e in numerosi comuni delle Province di Lodi, di Pavia, di Varese e di Como.
In Amiacque sono confluite CAP Gestione, S.I.No.Mi, TASM Service e TAM Servizi Idrici (ex ramo aziendale di TAM Spa), società storiche dell’intero ciclo idrico, costituito dall’insieme dei servizi pubblici di captazione adduzione e distribuzione d’acqua ad usi civili, dei servizi di fognatura e di depurazione delle acque reflue.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.