Problemi d’aereo, Tusek rimanda l’arrivo

Annullato il volo interno prenotato dal pivot sloveno che giungerà a Varese in tarda serata. Visite e primo allenamento giovedì. Tre diffide ai tifosi di Biella dopo la partita dello scorso 25 ottobre a Masnago

È stato rimandato al giovedì il primo allenamento varesino di Marko Tusek, il giocatore sloveno appena ingaggiato dalla Cimberio. Nessun problema di tesseramento o di rapporti, sia chiaro: è stato infatti annullato un volo interno tra Podgorica e Belgrado sul quale Tusek sarebbe dovuto salire stamattina. Quello successivo, previsto per il tardo pomeriggio, permetterà al pivot di prendere l’aereo nella capitale serba in serata e di atterrare a Milano Linate intorno alle 22.
Il programma, per quanto lo riguarda, prevederà quindi le visite mediche alle 8,30 di giovedì mattina al Campus e il successivo allenamento d’esordio con la truppa di coach Pillastrini.
Un plotone nel quale spicca ancora l’assenza di Ron Slay che oggi si è sottoposto a una nuova Tac che dovrà dare qualche novità sulle condizioni della sua schiena.

Intanto arrivano notizie anche sul fronte extracestistico: sono infatti in partenza tre diffide (i cosiddetti Daspo) verso altrettanti tifosi di Biella, ospiti al PalaWhirlpool lo scorso 25 ottobre. Lo ha comunicato la Questura di Varese che parla di «episodi di illegalità e comportamenti palesemente violenti, tali da mettere  in serio pericolo l’ordine e la sicurezza pubblica. Le forze dell’ordine – prosegue la nota -hanno dovuto porre in atto una massiccia azione contenitiva per arginare tali comportamenti ed evitare che fossero portati ad ulteriori conseguenze». Durante il match i sostenitori di Biella erano stati sistemati nella cosiddetta "gabbia" posizionata sopra la curva sud; in effetti c’era stata qualche intemperanza come il tentativo di forzare una porta della struttura o qualche "gavettone" sui tifosi seduti in gradinata. Atti filmati dagli uomini della Digos e, per carità, censurabili. Ma negli anni scorsi si è visto di molto peggio come in certe partite contro Cantù; visto che siamo stati testimoni di episodi simili e discutibili (vedi i Daspo spiccati contro i tifosi di Varese a Bologna nel 2008), certi provvedimenti, qualche dubbio, continuano a lasciarcelo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.