Reynolds, il primo avversario da battere è la burocrazia

La Pallacanestro Varese vuole risolvere al più presto gli intoppi relativi al visto: il Coni aveva richiesto all'ambasciata americana la revoca del documento

jr reynoldsLa speranza di vedere in campo J.R. Reynolds sabato al PalaVerde passa per l’ambasciata americana in Italia. La guardia appena ingaggiata dalla Cimberio è infatti pronta a decollare dagli Stati Uniti in direzione Malpensa ma prima di salire sull’aereo ha bisogno che si definisca con certezza la situazione relativa al suo visto.

Reynolds aveva come noto ottenuto il documento dopo il suo ingaggio da parte di Napoli la scorsa estate, ma poi aveva "rotto" con il club partenopeo (che ha cambiato giocatori in serie, molti dei quali se ne sono andati sbattendo la porta per via di problemi assortiti). Nelle settimane successive quindi il Coni aveva chiesto all’ambasciata americana di revocare il visto di Reynolds, una richiesta che pare non sia mai stata portata a termine dagli uffici diplomatici. Ora la Pallacanestro Varese sta cercando di fare luce sulla vicenda e si augura di avere il via libera per chiamare Reynolds in Italia senza problemi. «Intanto – spiega il gm Cecco Vescovi – abbiamo fatto partire le normali procedure per un visto nuovo, anche se ci auguriamo di poter utilizzare quello che J.R. aveva ottenuto la scorsa estate. In questo caso, se il Coni ci darà risposta positiva, Reynolds è pronto a prendere l’aereo, anche mercoledì sera».

Intanto al PalaWhirlpool la Cimberio ha ricominciato a lavorare in palestra dopo la sconfitta patita in casa domenica con la Virtus. Tre i giocatori fermi per motivi fisici (oltre ovviamente a Slay): Thomas, Galanda e Lorenzo Gergati. Per quest’ultimo nulla di grave: ha subito una leggera distorsione alla caviglia contro Bologna ma ha riposato solo per precauzione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 17 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.