Scoperto il più grande laboratorio clandestino della Lombardia

Oltre 1200 mq dove erano stati sistemati 80 postazioni di lavoro e 50 letti. I carabinieri di Gallarate hanno sorpreso al lavoro 30 cinesi

Ottanta postazioni di lavoro, cinquanta letti. È il maggiore laboratorio tessile clandestino scoperto in Lomabardia. A trovarlo sono stati i carabinieri della Compagnia di Somma Lombardo, in collaborazione con la polizia municipale di Casorate e la Direzione Provinciale del Lavoro di Varese, nell’ambito delle attività di contrasto all’immigrazione clandestina ed al fenomeno del lavoro “nero”.
Il laboratorio – dormitorio,scoperto la notte scorsa,  si estende per oltre 1200 mq contenenti. Trenta i cinesi sorpresi nel corso dell’attività lavorativa all’interno della struttura di cui 12 sono risultati irregolari e denunciati all’autorità giudiziaria per violazione della legge sugli stranieri.
La struttura, priva delle necessarie autorizzazioni, è stata posta sotto sequestro e sono state irrogate sanzioni amministrative per circa 200.000 euro dovute a gravissime violazione normative sul lavoro ed in materia igienico sanitaria.
All’attività di controllo per contrastare i fenomeni del lavoro nero, del controllo delle norme di sicurezza dei luoghi di lavoro, dell’immigrazione clandestina e dello sfruttamento della manodopera, sono costantemente impegnati i Carabinieri del Comando Provinciale di Varese, il personale ispettivo della Direzione Provinciale del Lavoro di Varese, i Militari del Nucleo Carabinieri per la Tutela del Lavoro e le locali A.S.L. Sono tuttora in corso accertamenti. 

Galleria fotografica

Laboratorio clandestino 4 di 20

(seguono aggiornamenti)

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 novembre 2009
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Laboratorio clandestino 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.