Settantatre giorni nel carcere minorile. Ma era innocente

Un ragazzo minorenne venne arrestato con l'accusa di rapina. La sua innocenza viene dimostrata dai suoi genitori che rintracciano il vero colpevole e lo convincono a costituirsi

Due mesi e mezzo al carcere minorile, esattamente 73 gioni oltre a 15 di arresti domiciliari, ma era innocente. È accaduto a un giovane di Cremona, minorenne al tempo dei fatti che risalgono al 2007.
Il giovane era stato riconosciuto colpevole dalla vittima di una rapina avvenuta a Mantova.
A chiarire le vere responsabilità sono stati i suoi genitori che hanno rintracciato in Marocco e convinto a costituirsi il vero colpevole, un ragazzo marocchino che aveva agito insieme a un bielorusso, anche lui fuggito dopo l’episodio. Una volta appurati gli eventi, i giudici hanno condannato il vero rapinatore e liberato il giovane di Cremona.
La vicenda approda oggi davanti ai giudici della Corte d’Assisre d’appello di Brescia. Il ragazzo chiede i danni allo Stato.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.