Sull’ultimo pallone la Mc-Carnaghi fa festa

Villa C.-Novara 3-2. Il punto di Aguero regala il 15-13 nel quinto set alle biancoblu che da oggi schiera anche la 15enne Caterina Bosetti. La squadra di Abbondanza rimane al secondo posto

La Mc-Carnaghi Villa Cortese supera un altro test e si aggiudica al fotofinish il derby con Novara, carico di "trappole" emotive per tutte le giocatrici in campo: dalle grandi ex Anzanello e Cardullo all’esordiente Caterina Bosetti, passando per la festeggiata Nicoletta Luciani (30 anni oggi e 2 muri pesanti nel tie break). Partita in altalena: la squadra di casa a tratti dà la sensazione di avere la partita in mano, poi deve subire il ritorno di un’Asystel determinatissima che beneficia anche del rientro di Kozuch. Nell’assoluto equilibrio i due punti premiano la squadra che ha sbagliato meno, anche se di pochissimo (24 errori contro 28). Nelle file di Villa bene Secolo e Anzanello, luci e ombre per Aguero e Cruz.
 
LA PARTITAPrima sorpresa in avvio con Luciani titolare al centro al posto di Hasalikova. Villa Cortese parte forte con due diagonali di Cruz e con Aguero (3-0) ma non riesce a sfruttare come avrebbe voluto il servizio, cosa che invece fa Novara con Kirillova: da 8-6 a 8-15 con ben 4 muri-punto di Flier, Barcellini e Barazza. Villa non si perde d’animo, e prima risale fino al 17-17 appoggiandosi a muro e difesa, poi rimette la testa avanti sul 20-19 con Secolo. Il set è ancora in equilibrio ma sul 21-20 ci pensa Tai Aguero: tre attacchi consecutivi (24-20) e poi quello conclusivo del 25-21. Nel secondo parziale Villa continua a toccare moltissimo a muro, ma commette davvero troppi errori (10 nel set) consentendo a Novara di portarsi avanti 9-12 e 11-16. Le ospiti si complicano la vita e rischiano di subire ancora la rimonta con due “doppie” di fila di Kirillova (17-19), ma restano avanti e si guadagnano 4 set point. L’ultimo brivido lo regala l’arbitro che vede fuori la “fast” di Paggi; si va 23-24, poi Aguero spedisce in rete il pallone del possibile pari ed è 25-23. Al rientro in campo però Villa parte alla grande, con Anzanello protagonista a muro e in battuta, e sull’11-4 Pedullà ha già chiamato entrambi i time out. Nessun problema per la Mc-Carnaghi (16-9, 19-13) che nel finale trova anche i punti di Secolo e chiude con Cruz sul 25-15. Tutto a posto? No, perché l’inizio del quarto set è da incubo. La battuta di Kozuch, rimasta in campo per Barcellini, mette in affanno Cruz (2-8) e il muro novarese prende tutto. Abbondanza è costretto al cambio: dentro Bosetti, che si dimostra solida anche in battuta. Villa risale fino a 10-12 con un’ottima Secolo, ma il solito servizio di Kirillova tiene avanti Novara (11-16). Il rientro di Cruz non porta nulla di buono: un errore e un muro subìto per il 12-19. Gli attacchi di Paggi e Tom non concedono niente a Villa; Novara chiude al primo tentativo sul 17-25 con un ace di Valeria Rosso che porta le squadre al tie break.
 
IL TIE BREAK – Si comincia ancora con Kozuch al servizio e Villa soffre di nuovo: Novara avanti 0-3 con Flier e uno strepitoso muro di Tom su Aguero. Kirillova però insiste troppo sull’opposto e Anzanello la punisce con il muro del 4-4. Aguero, a secco dal terzo set, torna finalmente a farsi sentire con l’attacco del 7-6; poi ci pensa Luciani, che trova il suo primo punto proprio nel momento più importante murando Barazza per l’11-9. Ma non è finita: Tom blocca Aguero a muro e riaggancia la parità. Secolo conquista il 13-12, Anzanello mura Tom per il +2; Novara si aggrappa alla partita con Flier (14-13), ma sul match point il tocco a muro di Paggi non è sufficiente a fermare Aguero. Villa conquista il suo primo tie break in questa stagione e resta al secondo posto, agganciata però da Bergamo e Pesaro.
 
BOSETTI – Il grande momento arriva sul 10-15 del secondo set: al posto di Aurea Cruz entra in campo Caterina Bosetti, figlia e sorella d’arte, che a 15 anni diventa una delle più giovani esordienti in serie A di sempre. Villa Cortese, con cui si allenava da inizio stagione, ha completato il suo tesseramento sabato, giusto in tempo per il derby. “Spero di non doverla utilizzare oggi” aveva detto Abbondanza nel prepartita, e invece Caterina dà un apporto importante anche nel terzo set, dimostrandosi già matura per questi palcoscenici. Dopo l’emozione del debutto, è però tempo di pensare al futuro: la Bosetti è passata da Orago a Villa con la formula del prestito, il che significa che potrà continuare a disputare i campionati giovanili con la squadra varesina. Oppure no? “Il regolamento non sembra lasciare dubbi – commenta il presidente di Orago, Angelo Gozzini – ma visto che ci sono interpretazioni contrastanti, abbiamo chiesto ufficialmente un chiarimento alla Fipav ed eventualmente confidiamo nella concessione di una deroga perché Caterina possa giocare sia in Under 18, sia in Under 16; speriamo che non siano necessari altri passi. Per noi è comunque una grave perdita, soprattutto per quanto riguarda la nostra serie B2, ma anche un grande motivo d’orgoglio”.

Mc-Carnaghi Villa Cortese-Asystel Novara 3-2 (25-21, 23-25, 25-15, 17-25, 15-13)
 
Villa Cortese: Anzanello 18, Nicora, Berg, Lanzini (L) ne, Pinese, Hasalikova 1, Secolo 18, Ballardini ne, Cardullo (L), Luciani 4, Aguero 22, Cruz 14, C.Bosetti. All. Abbondanza.
Novara: Rosso 2, Paggi 10, Barcellini 7, Barazza 11, Kirillova 1, Zardo, Scarabelli ne, Flier 14, Sirressi (L), Kozuch 9, Tom 21, Camera. All. Pedullà.
Arbitri: Antonio Longo e Francesco Puletti.
Spettatori: 1.200

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.