Terrorismo: “Non è allarme, ma non possiamo neanche parlare di fenomeni da baraccone”

Il Ministro dell’Interno Roberto Maroni è intervenuto a margine della Virgo Fidelis, la patrona dell’Arma dei Carabinieri, esprimendo qualche preoccupazione sulla violenza a sfondo politico

«La sicurezza è stato un impegno di questo governo sin dall’inizio e stiamo raggiungendo risultati reali e positivi. E non solo sul tema dell’immigrazione. Proprio ieri sono stato a Palermo a festeggiare insieme alla Squadra catturandi l’arresto di Mimmo Raccuglia, il numero due di Cosa Nostra». Sulla lotta all’immigrazione clandestina e alla mafia è soddisfatto il Ministro dell’Interno Roberto Maroni, che questa mattina ha partecipato alla celebrazione della Virgo Fidelis, la patrona dell’Arma dei Carabinieri.

Sono ben altre le questioni che preoccupano Maroni: non la tenuta della maggioranza che «è forte e riprenderà compattezza su tutte le questioni rilevanti», non i rapporti con la Svizzera «perché, ne sono sicuro, si troverà una soluzione». E neanche i problemi finanziari dei Comuni: benchè la questione sia seria e «ai sindaci bisogna dare una risposta soddisfacente, e su questo è d’accordo anche il ministro Bossi» in questo campo il Ministero degli Interni ha già fatto la sua parte «con l’anticipo dei trasferimenti dovuti Comuni, anche prima delle scadenze di legge». Le preoccupazioni di Maroni riguardano invece il terrorismo e le minacce contenute nel volantino che i Nat, i Nuclei di azione territoriale, hanno inviato negli ultimi giorni a numerose redazioni giornalistiche di Bologna e Milano: «Proprio oggi abbiamo fermato delle persone a Brescia. Bisogna evitare che i fermenti diventino cose più serie. Non è allarme, ma non si possono liquidare questi fenomeni come azioni da baraccone o iniziative individuali: episodi come quelli degli ultimi tempi devono essere bloccati sul nascere».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.