Tumore alla prostata, un pericolo da controllare

Sabato 28 novembre, incontro all'ospedale di Busto per approfondire il tema Ospedale e Territorio per un percorso diagnostico-terapeutico condiviso nel carcinoma della prostata

Nei Paesi Occidentali il tumore della prostata è il secondo tumore che insorge più frequentemente negli uomini dopo quello al polmone. Specialisti in Urologia, Oncologia, Anatomia Patologica, Medicina Nucleare, medici di Medicina Generale e infermieri professionali sabato 28 novembre all’ospedale di Busto Arsizio (Aula Suor Bianca, h. 8.30-15) approfondiranno temi quali lo screening, la diagnosi, la stadiazione, le terapie e l’assistenza ospedaliera e domiciliare.
Titolo dell’incontro, infatti, è “Ospedale e Territorio per un percorso diagnostico-terapeutico condiviso nel carcinoma della prostata”, proprio per sottolineare la necessità di un approccio multidisciplinare che coinvolga sia il personale ospedaliero sia i medici di famiglia.
Il convegno è diviso in tre sessioni. La prima sarà moderata da Aldo Fonte, primario del reparto di Urologia dell’ospedale di Saronno, la seconda da Giorgio Reguzzoni, primario dell’Oncologia dell’ospedale di Busto Arsizio, mentre la terza, dedicata all’assistenza infermieristica, sarà presieduta da Salvatore Santo, coordinatore della Laurea in Scienze Infermieristiche dell’Università La Bicocca di Milano.
Per quanto riguarda l’Urologia dell’ospedale di Busto Arsizio, diretta dal primario Carlo Buizza, vengono diagnosticati 80 nuovi casi di tumore alla prostata ogni anno.  
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.