Un’esperienza all’estero per diventare imprenditori europei

L'iniziativa è promossa dalla Facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria e da CONFAPI Varese. Sarà presentata al pubblico alle 14.30 di mercoledì 4 novembre

Grazie alla collaborazione tra la Facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria e CONFAPI Varese (Confederazione italiana della piccola e media industria privata) prende il via, a Varese, il progetto comunitario ”Erasmus per Giovani Imprenditori”, un’iniziativa pilota di mobilità studentesca/imprenditoriale che incoraggia i giovani a diventare imprenditori, favorendo e finanziando l’esperienza lavorativa presso le migliori Pmi dei 27 Paesi membri dell’Unione Europea. 
Mercoledì 4 novembre 2009, alle ore 14.30, nell’Aula 10 della Facoltà di Economia in Via Monte Generoso 71, a Vareseè in programma un incontro pubblico di presentazione del progetto comunitario dal titolo “Creare a fare impresa in Europa: le opportunità per i Giovani Imprenditori e per le Imprese varesine offerte dal progetto europeo Erasmus per Imprenditori”, organizzato da CONFAPI Varese, con il patrocinio della Facoltà di Economia dell’Università dell’Insubria. 
 
L’iniziativa si rivolge sia agli studenti laureandi e laureati che intendono avviare un’impresa e giovani imprenditori che l’abbiano avviata negli ultimi tre anni, sia alle imprese del territorio che, in qualità di ospitanti, intendono accogliere giovani imprenditori stranieri inserendoli per la durata del programma di scambio nelle loro realtà imprenditoriali. 
Il programma finanzia, previa selezione delle candidature, soggiorni all’estero (da 1 a 6 mesi) presso imprese europee di successo che lavorano nel settore di attività in cui i giovani intendono avviare una start up o in cui opera la loro impresa; il progetto assicura ai giovani nuovi imprenditori un contributo spese per il soggiorno all’estero e le spese di viaggio che varia a seconda del Paese in cui risiede l’impresa ospitante.  
 
L’iniziativa rappresenta anche un’ottima opportunità per le imprese locali che, ospitando giovani imprenditori stranieri, potranno beneficiare del loro contributo lavorativo, sviluppando progetti utili e compatibili alle esigenze di sviluppo dell’azienda ospitante; inoltre la partecipazione al progetto favorirà gli scambi di know-how e il networking tra le imprese neonate e le imprese già affermate sul territorio europeo. 
 
«Si tratta di un innovativo programma dell’Unione Europea – spiega la professoressa Roberta Pezzetti, docente di Economia e Gestione delle Imprese all’Università degli Studi dell’Insubria espressamente finalizzato a promuovere in Europa l’imprenditorialità giovanile, favorendo, nel contempo, lo sviluppo e l’internazionalizzazione di nuove imprese». Attraverso il finanziamento di selezionati programmi di training-on-the-job, i giovani imprenditori europei con promettenti business idea hanno oggi la possibilità di ampliare le loro competenze, beneficiando del know how e dell’esperienza di Pmi europee ospitanti, sviluppando relazioni commerciali e nuove opportunità di business sul mercato europeo.
«Il successo dei primi scambi ad oggi conclusi nei 27 Paesi membri testimonia la validità e l’importanza di questa nuova tipologia di Erasmus,- continua la professoressa Pezzetti – specie in una fase congiunturale come quella attuale che ostacola la creazione di nuove imprese e rende più complesso il superamento dei primi anni di vita. La Facoltà di Economia crede molto in questo Programma e parteciperà insieme a Confapi Varese alla valutazione e selezione delle candidature presentate dai New Entrepreneurs del territorio». 

Per bando e informazioni: www.uninsubria.it/web/economia/erasmus-entrepreneursIl tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.