Un libro dedicato a Francesco La Rosa

Per oltre cinquant’anni è stato il custode dell’antico Castello di Caccamo, a un anno dalla scomparsa gli viene dedicato un libro

Francesco La RosaPer oltre cinquant’anni è stato il custode dell’antico Castello di Caccamo, in provincia di Palermo, accompagnando migliaia di visitatori da tutto il mondo ed illustrando la sua secolare storia. Francesco La Rosa, per tutti “Don Ciccio”, era conosciuto e amato da tutto il paese e con i suoi 98 anni faceva orami parte della sua storia.
A un anno dalla scomparsa, sabato 21 novembre 2009 alle ore 17.00 sarà presentato presso la chiesa del Purgatorio di Caccamo il volume “Francesco La Rosa, cantore della storia e delle leggende del castello di Caccamo”.
La pubblicazione edita da Casteltur, raccoglie alcuni articoli apparsi su quotidiani e periodici locali e nazionali oltre alle testimonianze della principessa Maria Rosa De Puches, Stefania Giuffrè, Chiara La Rosa, Giuseppe Barbera, Giovanni Panzeca e dell’Arch. Rodo Santoro. Presenterà la manifestazione l’attrice Stefania Blandeburgo.
Il volume di 64 pagine è corredato da oltre 50 immagini fotografiche, disegni e una incisione del panorama di Caccamo di Federica Galli. Per la copertina è stato scelto il disegno che il pittore Totò Bonanno eseguì nel 1988 durante una visita ala castello.
 
FRANCESCO LA ROSA
Cantore della storia e delle leggende del castello di Caccamo
Caccamo, chiesa del Purgatorio

Sabato 21 novembre 2009, ore 17.00

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.