Varese, fatica premiata e terzo posto in classifica

Varese-Sorrento 2-1. Un ritrovato Del Sante spinge i biancorossi al settimo successo interno consecutivo, ma i campani si arrendono solo all'ultimo assalto. Davanti a Camisa e compagni restano solo Cremonese e Novara

Il Varese conquista la settima vittoria a Masnago su altrettante partite, sale al terzo posto solitario in classifica e ritrova lo Stefano Del Sante versione 2008/09. Il centravanti è forse il migliore in campo nel successo (2-1) ai danni di un volenteroso Sorrento che nell’ultimo quarto d’ora ha tenuto il Franco Ossola con il fiato sospeso fino a quell’ultimo pallone in pieno recupero calciato da Feussi che ha rischiato di rovinare la festa. Il Varese avrebbe potuto chiudere in anticipo la pratica, ma l’imprecisione sotto porta non ha permesso di andare oltre le due reti giunte su azione di rigore. Il primo ribattuto in rete da Buzzegoli (su respinta del portiere), il secondo realizzato da Del Sante che ha così spezzato un incantesimo che durava dalla prima giornata, proprio in un match in cui Ebagua ha sbagliato tanto. Poi, nel finale, un black out ha permesso a Saraniti di accorciare e ha causato qualche patema al pubblico, non troppo numeroso anche per via del freddo pungente. Una temperatura dimenticata dal triplice fischio del signor Benassi (buona la sua direzione) che ha messo per la settima volta le ali al Varese.
 
CALCIO D’INIZIO – Passata l’emergenza influenza, Sannino (in tribuna per squalifica) ritrova la rosa al completo a eccezione di Corti. Il cambio rispetto a Busto (contro l’Alessandria l’undici era rivoluzionato) riguarda Carrozza, riportato in fascia destra con Del Sante a fianco di Ebagua. Rimane dunque fuori Tripoli. Gli ospiti devono rinunciare a due squalificati compreso il portiere Marconato; al suo posto Novelli recupera l’esperto Criscuolo. Panchina per l’ultimo arrivato Feussi, in attacco Saranti con alle spalle il trio Vanin, Paulinho, Arcidiacono.
 
IL PRIMO TEMPO – Parte subito in avanti il Varese che nei primi dieci minuti ci prova due volte, al 5’ con un’inzuccata di Ebagua di testa finita a lato e con un diagonale di Del Sante che sfila vicino al palo, con palla troppo lunga per lo stesso Ebagua. Un’azione simile di quella sviluppata al 18’ da Carrozza che salta Di Nunzio e tira: anche in questo caso il pallone è largo sul palo e troppo profondo per la scivolata di Del Sante. La mira continua a fare difetto in casa biancorossa come confermano i due tentativi di Carrozza e quello di Ebagua ancora di testa. La prima parata “ufficiale” di Criscuolo è così una presa su in zuccata di Del Sante, troppo debole per mettere in difficoltà il portiere.
Intorno al 40’ si vede il Sorrento e gli ospiti sfiorano anche il vantaggio: angolo di Di Giosa, deviazione di Paulinho e palla che si stampa sul palo di sinistra. Un’azione che dà fiducia ai rossoneri che poco dopo replicano, ma l’ultimo passaggio per Greco è troppo lungo. Poi è ancora Paulinho (destro alto) a far suonare un nuovo campanello d’allarme. Passato lo spavento il Varese mette a frutto i minuti finali grazie a Del Sante: prima regala un dribbling capolavoro su tre avversari ed è fermato solo dall’uscita del portiere, poi propizia un rigore in pieno recupero. L’attaccante va su una palla profonda e viene abbattuto da Silvestri. Sul dischetto va Buzzegoli, Criscuolo respinge ma di nuovo “Bubba” ribadisce in rete: 1-0 e tutti negli spogliatoi dopo un accenno di rissa tra il portiere ospite ed Ebagua.
 
LA RIPRESA – Tocca a Paulinho aprire la seconda frazione (4’) con un sinistro velenoso da fuori area che sfila vicino al palo sinistro. La risposta è di Zecchin che, servito da Del Sante, si divora una facile occasione calciando alto dal cuore dell’area. Il numero 10 ospite è ancora il più vivace e al quarto d’ora trova un bel sinistro che scavalca la traversa.
Ma è ancora un rigore per il Varese a ravvivare la gara: Tripoli, appena entrato, salta Fernandez che lo atterra; stavolta tira Del Sante (12’) e spiazza il portiere, sbloccandosi così con la prima rete stagionale.
Alla mezz’ora però la partita si riapre grazie a Saraniti che approfitta di una dormita collettiva dei centrali biancorossi: Camisa e Bernardini non riescono a controllare un lungo cross di Vanin, così la palla arriva ala punta ospite che non fallisce: 2-1.
La rete risveglia i campani che al 35’ guadagnano una punizione pericolosa per fallo di Dos Santos ma la barriera fa buona guardia. Si entra nel recupero (ben 5’) con un tentativo pericoloso di Vanin che si perde alto. Camisa poco dopo si becca un secondo cartellino giallo dopo un retropassaggio pericoloso di Armenise e in un minuto accade di tutto. Prima la difesa sventa, poi Tripoli prova a sorprendere il portiere da metà campo, infine sul ribaltamento un diagonale di Feussi fa la barba al palo e si perde sul fondo mentre l’arbitro fischia la fine, scacciando le paure.

LE VOCI DEI PROTAGONISTI

Varese – Sorrento 2-1 (1-0)
 
Marcatori: Buzzegoli (V) al 48’ pt; Del Sante (V) su rig. al 22’ st, Saraniti (S) al 30’ st.
 
Varese: Moreau; Pisano, Bernardini, Camisa, Armenise; Carrozza (Tripoli dal 11’ st), Osuji, Buzzegoli (Dos Santos dal 35’ st), Zecchin; Ebagua, Del Sante (Momenté dal 43’ st). All. Bettinelli (squal. Sannino). A disp.: Grandclement, Gentili, Radi, Gambadori.
Sorrento: Criscuolo; Di Nunzio, De Giosa, Fernandez, Silvestri; Greco, Nicodemo (Esposito dal 13’ st); Vanin, Paulinho, Arcidiacono (Feussi dal 25’ st); Saraniti. All. Novelli. A disp.: Delfino, Balzano, Fialdini, Vollono, Myrtaj.
Arbitro: Benassi di Bologna (Marchesi e Pulcini).
Note. Giornata fredda e a tratti piovosa, terreno in buone condizioni. Ammoniti: Bernardini, Feussi, Greco, Dos Santos. Espulso: Camisa per somma di ammonizioni. Calci d’angolo: 4-2 per il Sorrento. Spettatori: 1.194. Incasso: 7.134,74 euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 novembre 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.