A Ferragosto l’Arma non va in vacanza

A pochi passi dal clou dell'estate il Comando provinciale dei Carabinieri presenta i risultati dell'operazioni di prevenzione e sicurezza. Ottenuti soprattutto facendo rete con altre realtà

Il comandante provinciale dei carabinieri Delli Santi e il Procuratore Maurizio Grigo«Non è un periodo particolarmente preoccupante, ma abbiamo voluto fare il bilancio degli ultimi tre mesi per ricordarvi che noi siamo sempre qui, anche a Ferragosto» E’ lo stesso comandante provinciale dei Carabinieri Maurizio Delli Santi (al centro, nella foto) a rivolgersi ai cittadini di Varese, a ricordar loro che le stazioni della benemerita sono sempre vicini ai cittadini, che anzi con l’operazione "Estate 2010” a Ferragosto controlli e disposizione di mezzi saranno ancora potenziati.

Il Comando Provinciale dei Carabinieri ha messo in campo infatti, già a partire dal mese di giugno una task force di 800 uomini e 280 automezzi, 5 Stazioni Mobili, unità motociclisti e la Motovedetta classe 200 di stanza a Luino, con il compito di vigilare sulla sicurezza di residenti e turisti anche a ferragosto.

In questo periodo sono stati oltre 170 gli arresti operati dai Carabinieri di Varese dal primo di giugno e 1300 le persone individuate quali autori di reato. Tra questi, degli oltre 40 arrestati dall’inizio dell’anno, ben 28 autori di furto solo in questo periodo sono stati arrestati perché colti nella flagranza del reato, mentre 7 sono quelli finiti in manette per rapina. Un risultato significativo, a cui si aggiunge uno strumento di prevenzione presentato oggi, 12 agosto: il decalogo contro i furti, pochi semplici consigli per evitare brutte sorprese in questo periodo di Vacanza. 

Anche i controlli sulle strade e nei luoghi pubblici hanno avuto numeri imponenti: circa 70.000 le persone e 50.000 i mezzi controllati, con il risultato di oltre 2000 contravvenzioni elevate, 800 punti tolti solo dai militari dell’arma, e 69 denunce per guida in stato d’ebbrezza. I controlli nei luoghi pubblici hanno invece permesso di sequestrare oltre 30 chilogrammi di sostanze stupefacenti.

I controlli sono stati effettuati così efficacemente grazie anche a un profondo lavoro in sinergia: i Reparti Speciali dell’Arma, i NAS di Milano, il NOE di Milano, il Nucleo Carabinieri dell’ Ispettorato del Lavoro di Varese, la Compagnia di Intervento Operativo del 3° Btg Lombardia e del Nucleo Elicotteri di Orio al Serio, le unità cinofile dei nuclei di Casatenovo e Orio al Serio: oltre naturalmente alle polizie locali dei comuni e alla Polizia Provinciale. «Lo scambio di notizie è fondamentale – sottolinea Gianni Degaudenz, comandante della Polizia Locale di Varese – Specie in questi periodi in cui diminuiscono i problemi stradali ma aumentano quelli di carattere sociale, che vengono gestiti dalle istituzioni locali. Basti pensare che nel mese di luglio i Trattamenti Sanitari Obbligatori, da 5-6 di media al mese sono passati a 38».

«Noi siamo polizie che conoscono a fondo il territorio provinciale e possiamo fornire molto aiuto ai colleghi» sottolinea a sua volta Angelo Gorla, comandante della Polizia provinciale. Una sinergia che ha portato a molti risultati, anche nello stesso mese di agosto: «Che è cominciato con uno scippo fuori dalla messa a Bizzozzero e una rapina con sequestro a Malgesso, entrambe concluse con la cattura del responsabile» come ha precisato il comandante provinciale dei Carabinieri.

Il Procuratore Grigo si compliomenta con il maresciallo Roberto Notturno L’ultima, quella – clamorosa – di Malgesso, ha visto protagonista il maresciallo Roberto Notturno (nella foto, con il procuratore Grigo), che ha avuto una parte importante nella soluzione del caso: e che per questo ha avuto oggi il pubblico encomio da parte del suo comandante e del Procuratore della Repubblica, Maurizio Grigo «Perchèi veri protagonisti sono i nostri uomini» ha sottolineato Delli Santi.
Anche NAS, NOE e NIL hanno affiancato i militari del Comando Provinciale in una serie di attività ispettive a cantieri edili, agli esercizi pubblici, nelle strutture alberghiere, di ristorazione, verificando in particolare le condizioni igienico-sanitarie e il rispetto della normativa ambientale e a tutela dei lavoratori e dei consumatori: nel corso dei controlli solo in questo fine settimana sono state denunciate 7 persone principalmente per il mancato rispetto delle prescrizioni minime di sicurezza sui luoghi di lavoro, mentre nel complesso nel periodo sono state accertate violazioni amministrative con ammende per un totale di oltre 150.000 Euro.

Da segnalare in particolare l’attività “extraterritoriale” dell’elicottero dei Carabinieri di stanza a Orio al Serio, che vigilia in realtà su tutta la Lombardia: la loro attività non segue solo le operazioni di polizia ma provvede infatti anche alla prevenzione e ai controlli: dalla velocità delle barche sui laghi alla iuntegrità dei siti archeologici o di guerra. Sono anche di supporto ai Nas per i controlli in attività commerciali impervie come ad esempio rifugi o malghe.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.