Continua a incantare la notte dei Mezarat

Grande successo della specialissima "notte bianca" organizzata quest'anno sabato 7 agosto, che ricorda le origini e la cultura - descritta anche da Dario Fo - del delizioso paese del lago Maggiore

notte dei mezaratGli abitanti di Porto Valtravaglia si chiamavano mezarat: "mezzi topi".
Un nome che nasce dall’attività antica di Porto Valtravaglia dove la vetreria, principale risorsa del paese, aveva forni che dovevano rimanere in funzione ventiquattro ore su ventiquattro: e così la maggior parte dei suoi abitanti viveva e lavorava di notte, facendoli diventare dei "mezaràt", ovvero mezzo topo, cioè pipistrelli. Un nome reso famoso dagli scritti di Dario Fo, il nobel che proprio qui, sulle rive del lago, trascorse anni spensierati e a che a Porto Valtravaglia, o meglio ai suoi abitanti, ha dedicato un volume, intitolato appunto "Il paese dei mezaràt".

Galleria fotografica

La notte dei mezarat 4 di 18

Oggi le cose sono cambiate, il paese non è più quello di una volta, Dario Fo non abita più qui ma, una volta all’anno, i mezaràt tornano ad aggirarsi pei i vicoli del paese: è quello che è avvenuto anche quest’anno, sabato 7 agosto, con una suggestiva e specialissima "notte bianca" sullo splendido paese sul lago Maggiore: qui le foto (di Franco Aresi) che testimoniano la nottata speciale, e il successo che hanno tributato all’edizione 2010.  

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 agosto 2010
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La notte dei mezarat 4 di 18

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.