“Il sottopasso in condizioni normali non si allaga più”

Giuseppina Quadrio, sindaco di Casorate Sempione, risponde alle critiche sull'allagamento di martedì scorso: "È stato un evento eccezionale, si è risolto tutto in poco tempo"

Al sindaco Giuseppina Quadrio non sono piaciute le critiche all’amministrazione sull’allagamento, dopo il violento temporale di martedì sera, del sottopasso del Sempione. La Quadrio si dice stupita dalla «lettera (forse polemicamente strumentale?..) del mio concittadino candidato in una lista – non la mia –ed attualmente membro di una Commissione Comunale, che quindi dovrebbe conoscere i "problemi" di Casorate».
«Siccome ogni affermazione dovrebbe nascere dalla conoscenza ritengo doveroso illustrare brevemente al mio concittadino il funzionamento del sottopasso "sistemato" dalla mia Amministrazione precedente per evitare disagi a coloro che lo utilizzano e ciò giustifica, se ce ne fosse bisogno, i soldi spesi oculatamente. La segnaletica posta all’ingresso delle rampe avverte del pericolo di allagamenti. Il sottopasso è dotato di una vasca di raccolta delle acque piovane provenienti dalle sette rampe viabilistiche, posata ad di sotto della rotatoria. All’interno di questa vasca sono ubicate n. 2 elettropompe sommerse le quali in condizioni atmosferiche "normali" si azionano alternativamente ed automaticamente a mezzo di galleggianti e convogliano le acque nella fognatura di Via Milano. La portata di tali pompe è più che sufficiente per gestire anche piogge abbondanti.
Il solerte concittadino ha forse dimenticato che, nonostante le abbondanti piogge autunnali, invernali e primaverili il nostro sottopasso non si è mai allagato al contrario di altri?». La situazione di martedì, invece, è stata davvero straordinaria, come testimoniato anche dai numerosi interventi dei vigili del fuoco nella zona: «E’ ovvio che in caso di eventi atmosferici "eccezionali" il tempo materiale per lo smaltimento delle acque piovane è tuttavia proporzionato alla quantità di acqua precipitata in un determinato lasso temporale».
Il sottopasso si è allagato sì, dunque, ma solo per poco tempo. «Al mio concittadino chiedo di mettere in atto un meccanismo assolutamente a costo zero che, al cenno dell’arrivo di un temporale più o meno forte, sollevi di qualche metro il sottopasso che poi, svuotatosi in meno di mezz’ora, riscenderà delicatamente al suo naturale livello. A conclusione non mi stupisce l’esito delle recenti elezioni perchè, vivendo la vita del mio paese, conosco la seria attenzione al proprio territorio dei miei concittadini Casoratesi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.