La minaccia con una pistola giocattolo, ma la commessa lo fa fuggire

È successo nel tardo pomeriggio di mercoledì in un negozio di abbigliamento a Varese. L'uomo è stato individuato in serata dalla Polizia

Pistola in mano e faccia coperta. È questa la scena che si è trovata di fronte nel tardo pomeriggio di mercoledì una commessa di un negozio di abbigliamento a Varese. La donna ha però prontamente allontanato la mano armata dell’uomo, gesto che le ha consentito di scorgere che sulla canna della pistola c’era il tappo rosso. L’aspirante rapinatore di fronte alla reazione della commessa, è fuggito.
La Volante, intervenuta sul posto, ha cercato con l’ausilio di alcune di fotografie presentate alla operatrice del negozio di risalire all’autore della tentata rapina, senza alcun risultato positivo. Gi agenti hanno comunque raccolto dalla donna  una descrizione molto dettagliata del malvivente.
Nella notte però gli agenti hanno fermato ed identificato un uomo a bordo  di un’autovettura  in viale Belforte. Sul sedile del lato passeggeri è stata rinvenuta della polvere bianca, probabilmente cocaina, e sul sedile posteriore una mazzetta da muratore. Il proprietario ha poi ammesso di avere con se con l’intento di perpetrare un furto.
Dalla perquisizione personale e del veicolo non sono stati rinvenuti altri corpi di reato, ma  l’uomo, un italiano di 40 anni, incalzato dagli operatori, ha indicato un cespuglio accanto al veicolo dove sono stati rinvenuti altri 5,60 grammi di cocaina.
L’operatore in servizio, che aveva seguito le indagini sull’autore della tentata  rapina del pomeriggio, ha ricollegato l’abbigliamento del 40enne alle indicazioni della commessa. Interrogato, l’uomo ha confessato la tentata rapina e, sotto sua indicazione, ha fatto ritrovare l’arma giocattolo utilizzata in un cestino dei rifiuti in viale Milano. L’uomo è stato denunciato a piede libero per detenzione di fini spaccio di sostanza stupefacente, porto di oggetti atti ad offendere e tentata rapina.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.