La proposta di Zappoli:”Ai giovani 200 euro per l’affitto”

Un contributo mensile massimo di 200 euro per un massimo di 4 anni per giovani tra 22 e 30 anni. la mozione è stata presentata in Conisglio

Un contributo mensile massimo di 200 euro per un massimo di 4 anni per giovani tra 22 e 30 anni. È la proposta del consigliere comunale Angelo Zappoli del gruppo “La Sinistra” per aiutare i giovani a pagare l’affitto.
La mozione è stata presentata dal consigliere in comune e propone la concessione dell’incentivo a chi rientra nei criteri proposti:

-un reddito non superiore a 23.000 euro, determinato il metodo ISEE
– i soggetti interessati, residenti o domiciliati per ragioni di convivenza, di lavoro o di studio
nel Comune di Varese dovranno essere in possesso di un regolare contratto di locazione
registrato per un alloggio non superiore a mq. 70 e compreso nelle categorie catastali A/2, A/3, A/4, A/5
-i soggetti interessati non dovranno essere titolari di diritti reali di godimento relativi ad
alloggio adeguato alle esigenze proprie o del nucleo, in qualsiasi località, di assegnazione in alloggi di edilizia residenziale pubblica, di assegnazione di alloggio in cooperativa edilizia a proprietà indivisa
-nel caso la richiesta di contributo provenga da coppie di giovani, i requisiti indicati sono
richiesti ad entrambi i componenti ed il limite di reddito è elevato a 28.000 euro
-dovrà essere prevista la cessazione del diritto al contributo in caso di superamento del
limite di reddito o di mancata cerificazione dei requisiti per ciascun anno della durata del
contributo
-l’assegnazione dei contributi dovrà avevnire sulla base di un bando che definirà le
modalità di accesso al contributo,  le modalità e i criteri per le verifiche e i controlli, la previsione
di applicazione delle clausole di decadenza, le modalità di erogazione dei contributi e l’importo
globale disponibile
-la disponibilità finanziaria dovrà essere reperita in prima istanza tramite apposita
variazione di bilancio, che istituisca un nuovo capitolo dotato di uno stanziamento pari ad
almeno 24mila euro per il primo anno di applicazione e, successivamente, oggetto di previsione nel bilancio preventivo e pluriennale

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.