Ospedale, apre il centro diurno psichiatrico

Il servizio sarà avviato a partire da lunedì 6 settembre e seguirà sei pazienti. Le attività riabilitative saranno svolte in spazi dedicati all’interno della Comunità Riabilitativa a Media assistenza

Un Centro Diurno psichiatrico all’ospedale “Galmarini” di Tradate. La struttura sarà avviata lunedì 6 settembre e avrà in carico sei pazienti. Con l’apertura di questo servizio, l’Azienda Ospedaliera “Ospedale di Circolo di Busto Arsizio” potenzia l’area della Salute Mentale arricchendo l’offerta di prestazioni nell’ambito del disagio psichico.
Il Centro Diurno, afferente all’Unità Operativa di Psichiatria 4 Busto-Tradate e al Dipartimento aziendale di Salute Mentale diretti dalla dott.ssa Franca Molteni, è una struttura semiresidenziale con funzioni terapeutiche riabilitative che resterà aperta sei giorni la settimana per 8 ore al giorno. Le attività si svolgeranno principalmente in spazi dedicati collocati all’interno della Comunità Riabilitativa a Media assistenza (CRM), aperta nel 2006 al “Galmarini”. 
«Con l’attivazione del Centro Diurno – spiega il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera Pietro Zoia – viene potenziata la risposta riabilitativa per le persone che soffrono un disagio psichico, offrendo loro percorsi personalizzati per un reinserimento sia nel contesto familiare sia in quello sociale. Si tratta di una struttura al servizio del territorio, che completa l’offerta nell’ambito di Tradate e del Tradatese che fino a oggi aveva come punto di riferimento in questo specifico settore il Centro Diurno di Fagnano Olona, anch’esso struttura dell’azienda ospedaliera. Il nuovo servizio a disposizione del territorio va dunque incontro alle necessità di persone che stanno vivendo un particolare momento di fragilità e alle loro famiglie. Inoltre, per il settore della Salute Mentale ci sono novità anche per Saronno, dove a breve sarà avviato un servizio di residenzialità leggera».
 I pazienti del Centro, la cui gestione è stata affidata alla cooperativa Aretè di Varese sotto la supervisione dell’Unità Operativa di Psichiatria 4, saranno seguiti da due educatori, da uno psicologo e da uno psichiatra. «I pazienti che frequenteranno il Centro Diurno – aggiunge Franca Molteni, primario dell’Unità Operativa di Psichiatria 4 Busto – Tradate e direttore del Dipartimento aziendale di Salute Mentale – saranno individuati dal Centro Psicosociale (CPS) di Tradate tra le persone che necessitano di un percorso riabilitativo per i problemi legati a una disabilità psichica. Potranno essere pazienti che, nelle fasi iniziali di una malattia, hanno bisogno di un intenso intervento riabilitativo o pazienti che hanno terminato una percorso residenziale e che non sono ancora in grado di avere una completa autonomia di vita. Per ogni paziente – prosegue la psichiatra – verrà formulato un progetto terapeutico e riabilitativo individuale che gli consentirà di sperimentare e apprendere abilità nella cura del sé, nelle attività della vita quotidiana e nelle relazioni interpersonali individuali e di gruppo, anche finalizzato all’inserimento lavorativo”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.