Pescatore muore precipitando da trenta metri

Il corpo dell'uomo è stato ritrovato questa mattina, ancora in corso le indagini per chiarire la dinamica

Un pescatore di 62 anni è morto precipitando da trenta metri d’altezza nel greto del fiume Vedeggio, a Medeglia. Il corpo dell’uomo è stato rinvenuto mercoledì mattina alle 8.30, in zona precipita per trenta metri, muore pescatore in TicinoDrossa. Sul posto è intervenuta la polizia cantonale (foto di repertorio), con agenti della Polizia lacuale, della sezione cinofila e del reparto mobile Sottoceneri, coadiuvati da uomini del Soccorso alpino svizzero. Per il recupero della salma, che si trovava in zona impervia, è intervenuto anche un elicottero della Rega.
La dinamica dell’incidente non è ancora chiara, le indagini sono in corso: l’uomo è scivolato da un’altezza di circa 30 metri per poi terminare la sua caduta sul greto del fiume Vedeggio.

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 18 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.