Pro opaca: 1-1 con la Tritium

La squadra di Novelli non brillae pareggia allo "Speroni" con la squadra di Trezzo. Ripa risponde a Lenzoni, espulsi nella ripresa Cortese e Justino per i tigrotti

 Una brutta copia della Pro Patria vista in questo inizio di stagione pareggia 1-1 contro la Tritium al termine di una sfida equilibrata e divertente. Al gol di Lenzoni al 31′ del primo tempo ha risposto Ripa con una bella inzuccata. Nella ripresa i ritmi calano rispetto ad un primo parziale vivace, anche a causa del caldo afoso, e i tigrotti non riescono a trovare il gol vittoria rimanendo in nove dopo le espulsioni di Cortese per proteste e Justino per doppia ammonizione. Nel finale annullato un gol a Ripa per un fuorigioco dubbio.

Intanto la società bustocca comunica, a parziale rettifica, che sarà possibile abbonarsi da giovedì 26 agosto dalle 14 alle 19, dal lunedì al venerdì.

FISCHIO D’INIZIO – Dopo le due vittorie per 3-2 contro Lecco e Pergocrema, la Pro affronta la neo promossa Tritium per il terzo turno di Coppa Italia, sapendo che una vittoria potrebbe portare alla qualificazione al prossimo turno, oltre ad una scarica di positività ad una settimana dalla prima di campionato che vedrà i tigrotti impegnati sul campo del Casale. Novelli conferma Anania in porta, ma cambia l’assetto difensivo rispetto alle due precedenti uscite, schierando Masiero a destra, Som a sinistra e in mezzo la coppia Rudi-Polverini. I tre di centrocampo sono Justino, Cristiano e Bruccini, mentre in attacco Melara e Pacilli giocano al fianco di bomber Ripa. Nella squadra milanese in mezzo al campo gioca Andrea Vecchio, per cui non sono mancati gli applausi a inizio gara.
La partita si gioca allo “Speroni” pur essendo la Tritium la squadra di casa per la richiesta della squadra di Trezzo d’Adda di attuare l’inversione del campo ai fini di agevolare i lavori in corso di adattamento dello stadio per la Lp2.

IL PRIMO TEMPO – Parte bene la Pro e dopo soli 2′ si rende pericolosa con una bella punizione di Bruccini che scavalca la barriera ma finisce alta sulla traversa. In difesa, però, escono subiti i limiti di Masiero e Rudi, che si fanno sorprendere da un lob preciso di Roberto Bortolotto che per poco non porta in gol Lenzoni, in ritardo di un secondo con l’impatto sulla palla. La gara è vivace e Ripa impegna in diagonale Pansera dopo una bella sponda aerea di Pacilli. Le due squadre non vogliono scherzare e continuano ad attaccare con continuità. Al 18′ l’attacco della Pro scambia bene al limite, ma al momento della conclusione Melara viene contratto e il pallone viene bloccato senza problemi dal portiere ospite, un minuto dopo, invece, Lenzoni non riesce a colpire la palla in tuffo di testa vanificando un bel cross di Enrico Bortolotto dalla destra. Al 31′ passa in vantaggio la Tritium sfruttando al meglio una ripartenza e trovando il gol dell’1-0 con Lenzoni, che devia alle spalle di Anania in spaccata un cross basso dalla sinistra di Riva. Al 36′ ancora la squadra di Trezzo si rende pericolosa con una punizione precisa di Roberto Bortolotto che impegna Anania alla deviazione in tuffo. Al 40′ va vicinissima al raddoppio la squadra di Vecchi, che con Roberto Bortolotto impegna severamente Anania, bravo a respingere il diagonale insidioso del fantasista biancoazzurro. Al 45′ Ripa riporta in parità il confronto, girando di testa in rete un corner dalla destra battuto da Pacilli. Il bomber tigrotto è fortunato nell’occasione perchè la palla supera la riga di porta solo dopo aver incocciato prima la traversa e poi il corpo del portiere.

LA RIPRESA – Le due squadre ritornano in campo con un cambio per parte: Novelli inserisce Sarno al posto di Melara, mentre Vecchi toglie Lenzoni per mettere Spampatti. Al 3′ la Tritium sfrutta un’altra indecisione della Pro e sfiora il secondo gol, ma Enrico Bortolotto non è riuscito a trovare la zampata vincente sotto porta. La Pro risponde all’8′ con Pacilli, che scambia con Masiero e scarica un sinistro potente ma centrale che Pansera respinge con i pugni. Al 13′ Ripa sfiora la traversa girando di testa un traversone dalla destra di Masiero, ma al 15′ è ancora la Tritium a far paura e ancora con Enrico Bortolotto, che da destra si accentra e prova un sinistro insidioso che Anania mette in angolo. Al 28′ Cortese si guadagna l’espulsione per proteste dopo appena quindici minuti in campo davvero insipidi e lascia la Pro in dieci. Al 32′ Roberto Bortolotto vanifica un’occasione d’oro spedendo sopra la traversa un assist preciso di Floriano. Al 33′ i tigrotti rimangono addirittura in nove per l’espulsione di Justino, che si becca il secondo giallo per un fallo tattico. La Tritium cerca di sfruttare la superiorità e al 35′ Chimenti impegna Anania con un destro rasoterra che il portiere tigrotto devia in tuffo. Al 42′ Ripa mette la palla alle spalle di Pansera, ma l’arbitro e il guardalinee annullano per una dubbia posizione di fuorigioco.

Non si dice scontento a fine gara l’allenatore tigrotto Raffaele Novelli, dopo l’1-1 contro la Tritium: «Per me oggi abbiamo fatto un passo in avanti rispetto alle due vittorie ottenute settimana scorsa. La Tritium è una squadra unita e con una grande dinamicità, è difficile da affrontare. Abbiamo dimostrato di saper soffrire anche con due uomini in meno, certamente ci manca la brillantezza, ma è una scelta fatta con il preparatore, vorrei mantenere la forma fino a fine campionato e in questo modo diviene difficile essere reattivi in questo momento. Dobbiamo cominciare la nostra avventura con umiltà, non dobbiamo pensare di ammazzare la classifica o non andremo da nessuna parte, sarà una stagione difficile e combattuta, lo so io, lo sanno i giocatori e lo sa la dirigenza».

Justino non accetta di buon grado il cartellino rosso ricevuto: «Credo che la mia sia stata un’espulsione affrettata, ho fatto un fallo di gioco e l’arbitro è stato fiscale. È la prima volta che gioco in un campionato professionistico, tolti i 10 minuti che avevo fatto ad Ascoli in serie B. Oggi abbiamo sentito tanto il caldo e la stanchezza delle partite giocate recentemente si è fatta sentire tanto».

Ripa guarda avanti e pensa già al campionato: «Dispiace perchè credo che il secondo gol fosse regolare, invece me lo hanno annullato. Ci stiamo abituando piano piano alla categoria, qui conta molto la corsa e meno altri aspetti, meglio capirlo subito primo di prendere delle batoste in campionato. Inoltre chi verrà a giocare qui credo che arrivi con il coltello tra i denti, la Tritium oggi lo abbia dimostrato. Un passettino indietro ci può stare, eravamo stanchi e abbiamo subito, anche se credo che senza le espulsioni avremmo potuto vincere. Da ora cominciamo a pensare solo al campionato, abbiamo un debito con la città da ripagare e spero di poterlo saldare subito».

TABELLINO

Tritium – Pro Patria 1-1 (1-1)

Marcatori: al 31′ pt Lenzoni (T), al 45′ pt Ripa (PP).

Tritium: Pansera, Gavazzeni, Teso, Dionisi, Riva, Bortolotto Enrico (dal 17′ st Floriano), Vecchio (dal 26′ st Di Ceglie), Daldosso, Chimenti, Bortolotto Roberto, Lenzoni (dal 1′ st Spampatti). All. Vecchi.

Pro Patria (4-3-3): Anania, Masiero, Rudi, Polverini, Som, Justino, Cristiano (dal 14′ st Cortese), Bruccini, Melara (dal 1′ st Sarno), Ripa, Pacilli (dal 32′ st Benedetti). All. Novelli.

Arbitro: Di Stefano di Alghero (Pulcini e Donini)

Note: giornata calda e afosa, terreno in buone condizioni.

Ammoniti: Cristiano e Rudi per la Pro Patria; Chimenti per la Tritium. Espulso Cortese (PP) al 28′ st per proteste e Justino (PP) al 33′ per doppia ammonizione. Calci d’angolo: 6-3 per la Tritium. Spettatori: circa.

 

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.