Rubò a Malpensa, arrestato a Genova dopo due anni

Un cittadino marocchino rubò 21 mila euro ad una compagnia aerea, saltando la barriera e ortando via l'incasso di giornata. È stato fermato al porto ligure e arrestato

Si è svolto stamani l’interrogatorio di garanzia davanti al gip Adriana Petri di un trentenne francese di origine marocchina fermato al varco del porto di Genova e ricercato da quasi due anni per un furto perpetrato nell’areoporto di Malpensa. L’uomo, in compagnia di un complice, si era presentato nel settembre del 2008 allo sportello di una compagnia aerea nell’areoporto della Malpensa chiedendo il rimborso di un volo Milano-Abu Dabi relativo a due biglietti da loro acquistati, per i quali avevano anche fornito alla Compagnia il loro vero nome e cognome. Mentre il complice distraeva l’addetta, il trentenne riusciva a saltare al di là del bancone (da qui l’accusa di furto aggravato con destrezza), si impossessava dell’intero incasso della giornata, 21 mila euro, e risaltare il bancone. Le telecamere dell’aereoporto avevano immortalato le sue gesta, ma nonostante questo un gip del tribunale di Busto Arsizio ritenne che le prove raccolte dal pm non fossero sufficienti per l’arresto. Il tribunale del Riesame aveva poi analizzato i fotogrammi della telecamere interne all’areoporto e disposto l’arresto dell’uomo che nel frattempo però si era dileguato. Lo scorso primo agosto l’uomo è stato fermato casualmente al varco portuale genovese, appena sbarcato con la sua compagna da una nave proveniente dalla Tunisia ed è saltata fuori l’ordinanza di custodia emessa dal riesame di Busto Arsizio. L’uomo è stato tratto in arresto; a suo carico ha anche diversi precedenti per droga, violenza e resistenza per episodi avvenuti in Francia negli anni passati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.