Sant’ Edoardo si stringe attorno a Dante Pozzi

Folla commossa alle esequie di uno degli esponenti più importanti delle Acli di Busto. Il ricordo commosso di don Giuliano Mattiolo

Una folla silenziosa e commossa, molti i cittadini del quartiere, ha partecipato ai funerali di Dante Pozzi, figura di rilievo del mondo delle Acli di Busto Arsizio e della stessa parrocchia di Sant’Edoardo dove partecipava attivamente alla vita della comunità cattolica. Le esequie si sono tenute alle 14 e sono state officiate da don Giuliano Mattiolo e alla presenza di monsignor Livetti.

Lo stesso don Giuliano ha ricordato con grande trasporto la figura di "Dantone", come lo ha chiamato il parroco e come lo chiamavano in molti "per il suo grande cuore – ha detto don Giuliano – che non esitava a donare agli altri in ogni momento. La sua prematura scomparsa lascia un vuoto nel quartiere che lui amava tanto e che, quando lo nominava, si stringeva nelle spalle e alzava il mento".

Dante Pozzi, scomparso dopo una lunga malattia, aveva 74 anni ed è stato tra i fondatori dell’Enaip, mebro di spicco dell’Acli bustocca e, in particolare, del circolo cittadino Luigi Morelli del quale è stato anche presidente. A Sant’Edoardo è sempre stato presente nella vita del quartiere e da molti era considerato il portavoce dei problemi della zona.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.