Socrate, il poker e la censura

Pier Fausto Vedani risponde a un lettore che ci chiede perché non abbiamo raccontato "tutta" la storia del bar di Varese. E racconta un divertente aneddoto

Il 3 agosto compariva su Varesenews una breve storia del Caffè Socrate perché i nuovi gestori del locale di piazza Monte Grappa ne  avevano recuperato  l’antico nome. Una storia  diventata Importante da quando, negli Anni 50 del  secolo scorso, presero a frequentarlo personaggi di rilievo nazionale dell’ industria, dello sport e della cultura. L’apparizione dell’articolo ebbe del miracoloso: infatti l’avevo scritto a giugno scomodando la nipote del fondatore, Emma Bozzoni, rimasta poi a lungo  in paziente attesa di un nostro fotografo per  riprodurre  alcune  immagini di interesse storico.
Stanco di aspettare deve essere stato anche lo stesso articolo se ha preferito poltrire nei meandri degli archivi del nostro giornale, colmi di milioni di informazioni, ma dove riuscì a stanarlo Michele che nel corsodella caccia si era fatto carico di recuperare le foto sperando che, dietro la porta di casa, la signora Emma Bozzoni  non avesse preparato un bastone per gli inviati di Varesenews.
A un passo dalla sua  fine, la traversia dell’articolo  riprese slancio perché Michele cadde, da fermo, dalla bici  rompendosi una spalla e dando una “craniata”  tale alla saracinesca del garage da allarmare  l’intero condominio. Un ko mostruoso e doloroso.
Il 3 agosto però lo scritto emerse e venne messo subito in rete, ma con commenti  da parte dei lettori  che rispetto, ma che in qualche caso denotano quanto meno scarso interesse per le vicende cittadine. Non è stato il primo caso,  temo che stia nascendo una Varese senza memoria, preoccupata  solo di vivere di corsa.
 La microvicenda dell’articolo scomparso o dimenticato la segnalo per due motivi: chiedere  innanzitutto scusa a Emma Bozzoni per i nostri pasticci  e rassicurare il lettore Carlo che si era arrabbiato  per non avere avuto risposta dopo che ci aveva chiesto lumi su  una storia  di giocatori  d’azzardo sorpresi al “Socrate”.
A quei tempi si giocava  in parecchi caffé cittadini, ma erano di   rilievo nella società  varesina i giocatori interrotti sul più bello dalla polizia. Era una notizia  che a noi  cronisti  il consigliere delegato della Prealpina, un varesino, impedì di pubblicare; il presidente bustocco invece  ci fece sapere che  avremmo potuto farlo.
Noi si optò, guardando al futuro,  per il silenzio anche  fatti saggi da un avvocato che ricordò un detto dialettale che riporto in lingua: i padroni  sono come i porcelli, si mangiano tra di loro ma se tiri la coda a uno solo urlano tutti assieme.
Non passò molto tempo dal veto sulla notizia dei giocatori: gli azionisti bustocchi  avrebbero scelto una linea editoriale di grande  apertura che portò la Prealpina, diretta da  Mario Lodi, a  un dialogo forte, sincero, senza vincoli con i suoi lettori. E per noi giornalisti di quella generazione – ho già avuto modo di dirlo – non solo professionalmente furono i migliori  anni  della nostra vita. 
 
 
 
 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.