“Tolto un simbolo che ha reso famoso Laveno”

Durissimo attacco del gruppo “Centrosinistra”: “Il mulino non aveva alcuna pretesa artistica, ma era una testimonianza dei sacrifici”

Pubblichiamo la nota inviata dal gruppo Centrosinistra di laveno Mombello seguente alla rimozione della macina nella rotonda del “Misto”, a Laveno Mombello.

La maggioranza di centrodestra che, dopo oltre 4 mesi dall’insediamento non ha ancora realizzato niente, ha pensato di togliere dalla rotonda di via Martiri della Libertà lo storico “mulino”, simbolo autentico della ultracentenaria storia della ceramica di Laveno Mombello.
Riteniamo innanzitutto, che si tratti di un’evidente offesa alle migliaia di ceramisti che hanno reso famoso il nostro Comune in tutto il mondo.
Il “mulino” non aveva alcuna pretesa artistica, ma era una testimonianza dei sacrifici, delle malattie, delle soddisfazioni del gesto di fare ceramica. E, considerato il furore iconoclasta, ci chiediamo: fino a quando resisterà il serbatoio recentemente restaurato, altro simbolo delle ceramiche, che non serve a niente e “deturpa” il paesaggio?
La scusa demagogica della scarsa visibilità del traffico veicolare può essere accettata solo da chi si rifiuta di ragionare e di riflettere con la propria testa. Decine di rotonde senza visibilità si trovano su tutte le strade provinciali e dunque la rimozione del nostro “mulino” è un esempio evidente di arroganza, di prepotenza e di cattiveria che qualifica in modo inesprimibile il sindaco Giacon e la sua maggioranza.
A questo si aggiunga il fatto che a circa cinque mesi dall’intitolazione della stessa rotonda all’antifascista e perseguitato politico Ormisda Grassi detto Misto, la targa in ceramica a suo tempo temporaneamente posata e poi rimossa, in attesa della sistemazione definitiva della rotonda stessa, non è ancora stata posizionata: ci chiediamo il perché e lo chiediamo agli attuali amministratori comunali. Qual è il motivo di questo ritardo?
Se, dopo oltre quattro mesi, questi sono gli atti della Giunta di centrodestra, cosa aspettarci per il futuro se non analoghe azioni che evidenziano il vuoto progettuale ed il desiderio insensato di distruggere e di demolire?
Sarebbe bastato un briciolo di buon senso, ma è del tutto evidente che molti amministratori ne sono privi.
Non ci resta che mettere sull’avviso i nostri concittadini di quali altri e ben più gravi guai causerà il Sindaco Giacon e la sua maggioranza di centrodestra.

Centrosinistra di Laveno Mombello

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.