Tre Valli: Basso e Garzelli sfidano il resto d’Italia

I big varesini hanno le carte in regola per ben figurare nella classica di martedì 17, ma la concorrenza è folta: Visconti, Riccò, Nibali, Ballan e Cunego sono in agguato, Cavendish guida la pattuglia straniera

A voler essere blasfemi, si potrebbe dire che la Tre Valli Varesine in programma martedì prossimo, 17 agosto, vale più di una maglia tricolore. Già, perché nella classica della "Binda" che si corre tra Campione d’Italia e Varese saranno protagonisti quasi tutti i grandi nomi del pedale italiano con l’aggiunta di qualche straniero interessante: un buon risultato quello colto dal presidente Oldani e dai suoi collaboratori, che hanno ingaggiato cinque formazioni di Pro Tour per la novantesima edizione.
Sarà dunque un piacere per gli appassionati vedere di fronte i due cavalli di razza padroni di casa, Basso e Garzelli, che sfideranno Cunego, Ballan, Nibali, Riccò, Sella, Pinotti, Ginanni, Scarponi, Visconti e altri ancora. In pratica, all’elite azzurra mancano i soli Pozzato e Petacchi (peraltro assente anche ai tricolori) e qualche uomo impegnato in formazioni straniere (Nocentini, Tosatto…): un lotto di partenti dunque che fa ben sperare anche nel successo di un big, anche se per difendere il proprio titolo ci sarà di nuovo il comasco Santambrogio (foto in alto). Tra gli stranieri, saltata la presenza di Cadel Evans (dopo Giro e Tour deve comprensibilmente ricaricare le pile in vista del mondiale in patria), spicca "Cannonball" Mark Cavendish, anche se il percorso non si addice alla sua proverbiale volata; con lui buoni interpreti come Bole, Goss, Martin, Vicioso, Serpa Perez, Kocjan, Niemiec e Rasmussen, il discusso danese che potrebbe andare alla corte di Alberto Contador.
basso cunegoBasso, in gara con il numero 1 (decisione che lascia perplessi: andrebbe sempre lasciato all’ultimo vincitore) arriva alla Tre Valli carico dal successo "casalingo" di Carnago e grazie alla forza della Liquigas potrebbe tentare il colpaccio sull’arrivo in salita di via Trentini, accanto a Villa Recalcati. Un traguardo che pare adatto anche alle caratteristiche di Garzelli che ha già vinto due volte questa gara, ma pure a quelle di Visconti e Riccò, il quale sarà al via con la Flaminia nonostante le insistenti voci di mercato (a meno di variazioni dell’ultim’ora). Il Garzo tra l’altro ha appena annunciato di voler gareggiare altri due anni, sempre con l’Acqua&Sapone: ritirarsi dopo un 2010 in cui ha vinto Tirreno-Adriatico e la tappa di Plan de Corones al Giro sarebbe stato un vero peccato.
Un altro uomo di grande importanza sarà Damiano Cunego (nella foto con Basso), sempre tra i favoriti in gare di questo tipo e soprattutto pezzo pregiato del mercato, perchè la Lampre rischia di perderlo a favore della nuova squadra Pro Tour italiana, la Geox, che erediterà il titolo dalla Footon Servetto. Nell’organico saranno confermati i nostri direttori sportivi, Zanini e Nardello, che guideranno i propri uomini (occhio al baby fenomeno Felline) anche alla Tre Valli.
Insomma, tra pochi giorni ne vedremo delle belle e tra gli spettatori più interessati ci sarà il nuovo commissario tecnico Paolo Bettini: il Mondiale si avvicina e il gruppo dei papabili azzurri sta per essere selezionato.
Nel frattempo gli uomini della "Binda" hanno accolto la regista Rai Cristina Giustiniani che avrà il compito di dirigere la lunga diretta sul terzo canale (dalle 15 alle 17,15 circa). Il commento sarà affidato alle "prime voci" del ciclismo, Francesco Pancani e Davide Cassani, affiancati da Andrea De Luca e dal "nostro" Roberto Pacchetti: insomma, anche per chi rimarrà davanti al teleschermo, l’edizione numero 90 si prospetta tra le più interessanti del panorama ciclistico nazionale e non solo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 agosto 2010
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.